Carrello
MyProducts

Riscaldamento piscine

Per un bagno in tutta sicurezza, è importante che l’acqua della piscina abbia una temperatura ideale, solitamente tra i 25° e i 28°C. Il riscaldamento dell'acqua della piscina può avvenire naturalmente, con il solo apporto dell'energia solare, o con degli appositi impianti di riscaldamento. I sistemi di riscaldamento per piscine più comuni sono gli scambiatori di calore acqua-acqua, i riscaldatori elettrici, le pompe di calore o i pannelli solari.

Le pompe di calore permettono di riscaldare l'acqua della piscina attraverso un dispositivo che scambia energia con l'aria attraverso un compressore, che comprime un gas producendo calore, ed un elemento radiante che scarica l'aria fredda all'esterno. Una pompa di calore per piscina mantiene l'acqua alla temperatura desiderata, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche, con una buon efficienza e costi di esercizio relativamente bassi.

Gli scambiatori di calore funzionano sfruttando lo scambio termico per conduzione attraverso elementi tubolari o piastre tra una sorgente di acqua calda (a 65 ÷ 75 °C), proveniente dall'abitazione, e l'acqua della piscina. Uno scambiatore di calore viene infatti collegato alle condutture della caldaia, fornendo un rapido riscaldamento della piscina a consumi consumo ragionevoli. Gli scambiatori di calore acqua-acqua sono caratterizzati da portata elevata, basse temperature di carico e perdite minime durante le ore di inattività. Inoltre, impediscono la formazione di germi patogeni a causa del ristagno di acqua e sono compatibili con i circuiti a bassa temperatura, come i sistemi geotermici e le pompe di calore.

I riscaldatori elettrici sono simili ai boiler per la produzione di acqua calda sanitaria. Il riscaldatore elettrico è uno scambiatore acqua-acqua dotato di una serpentina elettrica riscaldante per dissipazione elettrica. Il riscaldatore è costoso per il dispendio di energia elettrica, quindi è vantaggioso solo per piscine di piccole dimensioni, nelle quali l'elevato costo dell’energia elettrica è compensato dal costo inferiore dell’impianto. Non è consigliato, invece, per piscine con elettrolizzatori a causa delle inevitabili incrostazioni che si formerebbero sulla serpentina.

Infine, i sistemi di riscaldamento solare sono simili agli impianti solari termici sfruttando l’energia naturale del sole per portare l’acqua alla temperatura desiderata. Il riscaldamento solare è molto vantaggioso anche dal punto di vista economico, perché è possibile utilizzare i più economici pannelli solari non vetrati destinati al solare termico. Inoltre, solitamente la piscina viene utilizzata nella fase della giornata in cui la radiazione solare è massima, quindi l’efficienza dell’impianto è ottimale. Il requisito fondamentale per un impianto solare termico per la piscina è l’installazione accurata dei collettori, che vanno rivolti a sud, con una tolleranza di ±10° ed inclinazione adeguata alla latitudine della località in cui è installato. I vantaggi del riscaldamento solare sono i bassi costi di impianto a fronte di spese per consumo elettrico nulle. Se si vuole utilizzare la piscina anche nei periodi invernali è preferibile utilizzare pannelli vetrati a maggior rendimento ed efficienza ed aggiungere all’impianto uno scambiatore di calore.