Artemide. Tecnologia e personalizzazione

Carlotta de Bevilacqua e Paolo Rizzatto raccontano i progetti Harry H. e Artemisia

Letto 1337 volte
Artemide. Tecnologia e personalizzazione
20/04/2017 - La lampada Harry H. di Carlotta de Bevilacqua  e Artemisia, la lampada personalizzabile firmata da Paolo Rizzatto, sono tra le novità presentate quest'anno da Artemide.

'Per la lampada Harry H., sviluppata in collaborazione con Laura Pessoni, mi sono ispirata ad Harry Haller, un personaggio di Herman Hesse dalla doppia personalità. Questo progetto ha infatti due anime: una rivoluzionaria legata alle tecnologie utilizzate, una più convenzionale legata all'emozione e alla bellezza del vetro soffiato.' Carlotta de Bevilacqua



Harry H. è un nuovo cambio di paradigma nella progettazione della luce: una macchina ottica ibrida, che combina fonti LED e OLED. Come con il LED è stato fondamentale progettare senza pregiudizi dettati dall’uso delle sorgenti tradizionali così anche per l’OLED ci troviamo di fronte ad una tecnologia con specifiche peculiarità che lo rendono molto diverso dalle precedenti.

Il prodotto ripensa completamente la luce a partire dalle caratteristiche di questa nuova tecnologia. È un sistema aperto che rompe gli schemi tradizionali, un sistema ibrido che affianca LED e OLED valorizzando i pregi delle due tecnologie e combinandoli per offrire il massimo delle performance per l’uomo e i suoi bisogni. È un’interpretazione della tecnologia più evoluta che si affianca alla tradizione del vetro soffiato artigianalmente.



Artemisia parte dalla volontà di essere un prodotto democratico capace di durare nel tempo grazie ad un attacco universale E27. La struttura è intelligente, come fosse uno scheletro meccanico. Ospita la lampadina al centro e ha due bracci orientabili che portano il paralume. Il paralume è costituito da due superfici piane geometricamente identiche tra loro che definiscono la geometria tridimensionale.

'Artemisia è studiata con un sistema di fissaggio del paralume molto semplice, per cui è possibile cambiare con facilità forme e colori, assecondando qualsiasi caratteristica progettuale. Il paralume assume anche valenza estetica: i disegni stampati sulla superficie modificano il tipo di luce emessa dalla lampada'. Paolo Rizzatto

La lampadina è il centro del progetto. Il paralume è la forma più risolta del far luce, è lo strumento ottico più antico e universale. Riassume in sé le tre forme della luce: diffusa, diretta ed indiretta' racconta il designer.  Artemisia

Artemisia

L’elemento strutturale resta visibile interrompendo in due punti la superficie diffondente. La struttura interna non è fissa, le aste che sostengono il paralume possono essere inclinate così da definire una geometria generatrice del paralume che va dal cono al cilindro, cambiando non solo la forma ma anche le performances. Le qualità di luce sono definite non solo dalla inclinazione del diffusore che varia la percentuale di luce emessa in modo diretto o indiretto, concentrando o aprendo l’emissione ma anche in base al tipo di materiale e grafica del paralume.

Artemide su ARCHIPRODUCTS

 Artemisia

Artemisia

Harry H._photo by Pierpaolo Ferrari

Harry H._photo by Pierpaolo Ferrari

Artemisia_photo by Pierpaolo Ferrari

Artemisia_photo by Pierpaolo Ferrari

Harry H.

Harry H.

Harry H.

Harry H.

Harry H.

Harry H.

Harry H.

Harry H.

Harry H.

Harry H.

Lascia un commento

Scopri il Brand

Artemide

Milano, Italia

Notizie correlate

Artemide illumina il Refettorio Felix a Londra
Artemide a New York
Alphabet of light. Scrivere con la luce
Artemide con Ross Lovegrove al Centre Pompidou
Red Dot Award 2017 per Artemide
1987–2017. Trent'anni di Tolomeo
Artemide illumina la nuova mensa di Amatrice
Artemide illumina la Fondazione Feltrinelli a Milano
Jean Nouvel e Artemide al Musée des Arts Décoratif
Tolomeo Gold Edition
Inaugura il primo Flagship Store Artemide a Dubai
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest