Federica Biasi + MY home collection

Oku e Cloe, i nuovi arredi ispirati alla cultura giapponese e al mondo floreale

Letto 360 volte
Federica Biasi + MY home collection
11/07/2018 - Ispirato alla poetica e alla solida filosofia orientale, Oku è il nuovo tavolo per la zona dining di MY home collection, nato dalla collaborazione tra il brand toscano e la giovane designer Federica Biasi.  

Un oggetto che parla la lingua di terre lontane, quella del Sol Levante, in cui la parola Oku si traduce con ‘quercia’ per esprimere la forza e la solidità dell’albero secolare e dell’antica cultura giapponese.

Appare subito comprensibile la scelta di questo nome, trovarsi di fronte a Oku significa ‘interagire’ con un oggetto dalle proporzioni generose e dal design rassicurante e ricercato. Oku è, infatti, caratterizzato da un grande piano ovale in MDF laccato opaco che si appoggia su un robusto piedistallo con base in acciaio e profili in metallo che variano dal rame al bronzo fino all’oro, per creare abbinamenti unici e raffinati.  

Sempre disegnata da Federica Biasi, Cloe è la nuova seduta di MY home collection che racconta di un design sinuoso, leggero e delicato. Il concept di Cloe nasce, infatti, dalla composizione e dalla delicatezza del ‘mondo’ floreale, dalla sua estetica e sostanza. 

Come un fiore che sboccia, Cloe è composta da sottili gambe in acciaio laccato dalle tonalità bronzo, oro, silver e rame che sostengono una scocca in polimex imbottita con gomma poliuretanica rivestita in tessuto e disponibile in molteplici finiture. Un comfort e una morbidezza che regalano la piacevole sensazione di ‘stare seduti su un fiore’. 

MY home collection su ARCHIPRODUCTS
Lascia un commento

Prodotti correlati

Notizie correlate

Chemise aggiunge un posto in più
Konan, il nuovo letto di MY home collection
MY home collection si tinge di Ultra Violet
Un po’ seduta, un po’ poggiapiedi
Elena Salmistraro + MY home collection
Studio li-do per MY home collection. Parola d'ordine: colore
Ula & Baba. Un viaggio ‘immaginario’ nelle lontane terre d’Africa
Vai al prossimo articolo
Chemise aggiunge un posto in più
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest