I volti di Archiproducts Milano

Le collezioni che danno forma al nuovo look del building di via Tortona 31. La parola ai designer

Letto 5440 volte
I volti di Archiproducts Milano
04/05/2017 - La settimana milanese del design è stata occasione per presentare il nuovo look di Archiproducts Milano, realizzato con 45 brand internazionali. Dal 3 aprile scorso lo spazio di networking di via Tortona 31 ha già accolto oltre 12mila visitatori tra architetti, designer, brand e stampa internazionale. Molti di loro sono stati direttamente coinvolti nel progetto. Abbiamo chiesto a loro di raccontare le collezioni esposte.
 
Chi non c’era si starà infatti domandando: quali volti si celano dietro i brand che hanno contribuito al look 2017 del suggestivo appartamento di inizio secolo? cosa ha animato il building durante la Milano Design Week? quali nuovi progetti o materiali si possono scoprire ad Archiproducts Milano? e quali attività ospita lo spazio?

Vincent Van Duysen, Marc Krusin, Emilio Nanni, Sergio Bicego, Mario Bellini, Paolo Rizzatto, Metrica studio, Elisa Ossino, Antonio Marras, Atelier Biagetti, Stefano Giovannoni, Diego Grandi e Serena Confalonieri sono alcuni tra i nomi che hanno animato lo spazio, in maniera sempre diversa. Chi ha firmato una o più collezioni che allestiscono le stanze del grande appartamento; chi ha immaginato il pattern di facciata; chi ha voluto semplicemente scoprire il nuovo progetto; chi si è sfidato in una ‘partita a scacchi sul disegno.
 
Abbiamo avuto l’onore di ospitare Piero Gandini – Ceo di Flos – e Vincent van Duysen che, in un racconto a due voci, hanno condiviso i punti di forza della loro collaborazione. Il designer belga è autore del progetto Infra-stucture firmato Flos, che Archiproducts ha scelto come sistema di illuminazione dell’intero piano terra, dove trova spazio il nuovissimo touch point di Archiproducts Shop.
 

 
Marc Krusin ha spiegato come nasce il tavolo Clay, il fortunato progetto nato due anni fa in collaborazione con Desalto, e quest’anno presentato in nuove dimensioni e finiture.
 

 
Alessandra Santi – Communication Manager di Saba Italia – e Fabrizio Cantoni – Ceo di cc-tapis – raccontano “Hot Date”, la liaison creativa che unisce i due brand nel nuovo setting di Archiproducts Milano. Un incontro che si fa massima espressione dello stile che accomuna entrambi nel coniugare ogni forma alla poesia del colore e della materia.
 

 
Aldo Parisotto, art director di True design, racconta come la trasversalità della collezione “True goes Through”, adatta sia al residenziale che a spazi di lavoro o ancora all'hospitality, si inserisca perfettamente nello spazio di Archiproducts Milano, dove “contaminazione” è la parola chiave.
 

 
La partecipazione del brand australiano SP01 è argomentata da quattro punti di vista differenti: Robin Rizzini di Metrica studio, autore della collezione indoor con divano, sedie, poltroncine e tavolo; Tom Fereday, il giovanissimo designer australiano che ha firmato la collezione outdoor; Tim Rundle, designer industriale londinese che ha disegnato Michelle’s mirror, e Matt Lorrain, responsabile in SP01 della Direzione Sviluppo di Prodotto.
 

 


Un focus interessante in tema di materiali è proposto da Jacopo Cecchi, che ci guida alla scoperta delle superfici tridimensionali da lui disegnate per 3d Surface.
 

 
Alessandra Calò di TWS, brand pugliese che da quattro generazioni lavora con passione sul concetto di pietra, presenta sullo stesso tema il progetto ‘Trame di Pietra’, micro-incisioni su marmi e pietre che creano delicatissime superfici lavorate come tessuto.
 

 
Portavoce di Bang&Olufsen è Mario Lupano, direttore commerciale Italia, Spagna e Portogallo del brand danese diventato icona nel settore dei sistemi audio/video. In un mix di elettronica e design insieme alla magia del movimento, la musica diventa un vero e proprio elemento di arredo.

Lascia un commento
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest