Le nuove sedute Varaschin firmate Philippe Bestenheider e Monica Armani

Mood grintoso o shabby chic con un unico fil rouge: l'intreccio

Letto 1509 volte
Le nuove sedute Varaschin firmate Philippe Bestenheider e Monica Armani
04/05/2017 - Varaschin presenta le sedute Maat ed Emma, firmate da Philippe Bestenheider e Monica Armani. Due progetti differenti che affrontano il tema progettuale dell'intreccio attraverso colori, tessuti e materiali high-tech pensati per l’outdoor. 



'Maat nasce dalla volontà di rinnovare la tradizionale poltroncina intrecciata da esterni. Abbiamo lavorato sul colore che, attraverso l'intreccio di sottili fasce, dona grinta e vivacità alla seduta'. Philippe Bestenheider 

La poltroncina MAAT è caratterizzata da una silhouette che si stringe proprio sotto il sedile e che dona stabilità alla struttura. La parte superiore della seduta si apre come fosse il bocciolo in fiore ed offre relax totale e comfort per schiena e braccia. L’intreccio a trama larga dal motivo triangolare è un tratto distintivo di questo prodotto e gli conferisce un aspetto arioso e leggero. Intrecciando insieme fettucce dai colori vividi e audaci, quali verde, bianco, arancio e turchese, questo progetto dona dinamicità alla tradizione.



Nasce dalla rivisitazione dell’iconica sedia di uso quotidiano Emma, la nuova poltroncina Varaschin firmata Monica Armani.

Un oggetto dall’aspetto familiare e tradizionale, femminile ed elegante. In base alla scelta delle tecniche e dei materiali, la collezione è ideale per gli ambienti indoor o outdoor. Il sedile è caratterizzato da una scocca inferiore stampata e ad iniezione e disegnata appositamente per risolvere diverse funzioni: l’inserimento delle gambe (eventualmente anche l’unica centrale o a slitta per le versioni a progetto), l’aggancio delle cinghie elastiche, l’aggancio dei vari tipi di schienale. 

Il sedile, sia per l’indoor che per l’outdoor, si presenta imbottito e rivestito di tessuto con un dettaglio di cucitura riconoscibile sulla parte frontale. Le gambe hanno design molto personale e possono essere in alluminio verniciato, iroko naturale o frassino tinto. Lo schienale, con o senza braccioli, si presenta in tre versioni: un frame di alluminio rivestito con tessuto tecnico o con un intreccio in corda mélange in tre nuances oppure un’anima in legno curvato rivestita in tessuto. EMMA prevede innumerevoli combinazioni tra sedili, gambe e schienali e si presta ad ogni tipo di situazione e mood, adattandosi in modo trasversale agli spazi dell’abitare contemporaneo.

Varaschin su ARCHIPRODUCTS
 Le nuove sedute Varaschin firmate Philippe Bestenheider e Monica Armani

Le nuove sedute Varaschin firmate Philippe Bestenheider e Monica Armani

Le nuove sedute Varaschin firmate Philippe Bestenheider e Monica Armani

Le nuove sedute Varaschin firmate Philippe Bestenheider e Monica Armani

Lascia un commento

Scopri il Brand

Varaschin

Italia
Contatta l'azienda

Notizie correlate

'Outdoor Therapy' con Varaschin
Da Alain Gilles a Joe Colombo. L'outdoor secondo Varaschin
Spazi optical by Varaschin
Un cuscino morbido e avvolgente sospeso su rami stilizzati
Belt, il divano 'mix and match'
Vai al prossimo articolo
'Outdoor Therapy' con Varaschin
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest