Fino al 4 giugno, sconto 15% sui tuoi acquisti con il codice SAVE15

Mutina. A new perspective on tiles

La nuova campagna racconta le collezioni dei fratelli Bouroullec, Konstantin Grcic e Barber&Osgerby

Letto 335 volte
Mutina. A new perspective on tiles
18/05/2017 - Mutina presenta la sua seconda campagna pubblicitaria, che consolida la collaborazione con gli artisti Scheltens&Abbenes. Se con la prima campagna raccontava 10 anni di collezioni realizzate da designer diversi, questa volta il duo si è misurato con tre collezioni: Rombini di Ronan e Erwan Bouroullec, Numi di Konstantin Grcic e Puzzle di Edward Barber e Jay Osgerby. Mutina, 2017 - Puzzle by Edward Barber & Jay Osgerby © Scheltens & Abbenes

Mutina, 2017 - Puzzle by Edward Barber & Jay Osgerby © Scheltens & Abbenes

Qual è stato il vostro punto di vista per questa nuova campagna?
Quando abbiamo scattato la prima serie per Mutina è stata un’esperienza bellissima, lavorare su una moquette realizzata ad Amsterdam, trasformata da Mutina in vere mattonelle (ceramica) e avere la possibilità di scattarla davvero li. Ci ha permesso di lavoro come sempre ma solo con una collezione per ogni immagine. Che per noi é stata una nuova sfida.
 
Come avete fatto a lavorare con collezioni singole questa volta?
Abbiamo cercato il modo di rendere la collezione come un insieme. Per esaltare i tratti particolari delle collezioni ma mantenendo un senso di illusione e astrazione, mostrando qualcosa che non è il vero uso delle piastrelle, uscendo cosi dalla loro funzione ordinaria. Mutina, 2017 - Numi by Konstantin Grcic © Scheltens & Abbenes

Mutina, 2017 - Numi by Konstantin Grcic © Scheltens & Abbenes

Come fanno a dialogare patterns e architettura tra di loro?
Colore, patterns, forme, uno strato di vernice, sono tutte parti del puzzle della costruzione che sembra essere piatta e in 3D allo stesso tempo. Tutti questi elementi insieme, creano il senso dello spazio.
 
Dopo due anni di collaborazioni conoscete molto bene l’azienda. Potreste dirci di più sul vostro rapporto?
Pensiamo che Mutina capisca molto bene l’importanza di dare spazio al processo creativo. Questo atteggiamento diventa palese in “high and tile collections” e altri progetti speciali di cui loro sono fonte d’energia. Loro si fidano dei loro designers e danno buoni feedback. Ci sentiamo sempre a casa da Mutina! Mutina, 2017 - Rombini by Ronan & Erwan Bouroullec © Scheltens & Abbenes

Mutina, 2017 - Rombini by Ronan & Erwan Bouroullec © Scheltens & Abbenes

La collaborazione con il duo olandese conferma la sensibilità di Mutina al mondo dell’arte, insita in quell’approccio sperimentale, che la accompagna da sempre, che concepisce la ceramica come prodotto d’autore. E questo stesso approccio creativo ha determinato quest’anno il coinvolgimento di Mutina nel premio This is not a Prize promosso in collaborazione con  Artissima.
 
Concluso in occasione della Biennale d’arte di Venezia 2017, il premio è stato vinto dal giovane artista Giorgio Andreotta Calò, che è stato in seguito selezionato dalla curatrice Cecilia Alemani come uno dei tre artisti italiani protagonisti del Padiglione Italia.  Come previsto dal concept di THIS IS NOT A PRIZE, Mutina ha scelto di supportarlo nella produzione della sua installazione sitespecific: “Senza Titolo (La fine del mondo)”.

Mutina on Archiproducts.com
Lascia un commento

Scopri il Brand

MUTINA

FIORANO, Italia

Notizie correlate

This is not a Prize. Da Artissima alla Biennale d’arte di Venezia 2017
'This is not a Prize': il vincitore
PUZZLE, design Edward Barber & Jay Osgerby
Barber&Osgerby. Esperimenti geometrici
Rombini: un alfabeto di forme e di colori
Cemento 'soft', colori e geometrie ispirate all’arte contemporanea
Ceramica, un progetto d’autore. ‘Tutto inizia da una interruzione’
Ceramica come progetto d'autore, 10 Years of Mutina
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest