Pot by Arne Jacobsen, una nuova visione di un classico anni 50

Fritz Hansen @ Maison&Objet 2018

Letto 671 volte
Pot by Arne Jacobsen, una nuova visione di un classico anni 50
10/01/2018 - Nel 1959, Arne Jacobsen progettò GrydenTM (in inglese 'Pot'), una versione più compatta delle poltrone avvolgenti progettate originariamente per il SAS Royal Hotel di Copenhagen.
Fritz Hansen, Pot

Fritz Hansen, Pot

Fritz Hansen ha reinterpretato, senza stravolgere, la sedia Pot di Arne Jacobsen per adattarla agli interni contemporanei, ottenendo una seduta che si fa riconoscere sia in un living che in uno spazio contract che in una sala riunioni.
 
La forma è quella originale del 1959, solo i materiali sono stati rivisitati, per soddisfare gli attuali standard di comfort e resistenza. Pot è disponibile in un’ampia gamma di rivestimenti in tessuto o pelle. Ha dimensioni contenute ma forme avvolgenti, è moderna ma senza tempo ed è un progetto originale di Arne Jacobsen.
 
Disegnata originariamente per il sofisticato bar Orchid del SAS Royal Hotel e lo strabiliante giardino d'inverno dell'albergo, la poltrona Pot era collocata anche tra gli ascensori di ogni piano dell'hotel, così che gli ospiti potessero essere accolti con un leit motif riconoscibile. La Pot arredava l'albergo insieme alle altre icone di design Egg™ e Swan™.
Pot Original

Pot Original

La nuova Pot è adatta per il residenziale ma anche per i progetti contract, in quanto le tecniche produttive Fritz Hansen e il design by Arne Jacobsen le conferiscono durevolezza e qualità senza tempo.
 
La gamma dei colori dei tessuti di rivestimento è stata studiata esclusivamente per Republic of Fritz Hansen dal nostro team di ricerca e svilupp un tenue rosa, un caldo terracotta, un profondo blu oceano.Disponibile anche nella versione in pelle. La struttura è in metallo laccato a polvere marrone o cromato.
 
La seduta Pot sarà disponibile nei negozi a partire dal 1o maggio 2018.
 
Fritz Hansen, Pot

Fritz Hansen, Pot

Fritz Hansen, Pot

Fritz Hansen, Pot

Lascia un commento
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest