Sebastian Herkner + Thonet

Il designer tedesco reinterpreta la 'sedia di Francoforte' del 1929

Letto 696 volte
Sebastian Herkner + Thonet
29/01/2018 - Minimalista e autentica. Così si presenta 118, la nuova sedia Thonet firmata Sebastian Herkner. Una sedia classica in legno che si abbina a diverse tipologie e stili di tavoli da pranzo, in ogni spazio e progetto hospitality. Nella sua nuova collezione disegnata per Thonet Sebastian Herkner attinge alla ricca tradizione dell’azienda tedesca. Basandosi sul principio di massima riduzione del numero di elementi di una sedia, sviluppato da Michael Thonet a metà XIX secolo, Herkner pensa a un suo ulteriore sviluppo.   
 
Ispirata all’archetipico modello 214 di Thonet, la collezione 118 presenta una seduta, rivestita in canna d’India intrecciata, con il telaio formato da un unico pezzo curvato. La sedia è disponibile anche con la seduta sagomata. Un’ulteriore particolarità è data dalle gambe: la parte posteriore arrotondata si congiunge a quella anteriore, diritta, attraverso due angoli leggermente smussati, riprendendo così la forma a ferro di cavallo della seduta. L’inclinazione dello schienale è perfettamente coordinata al sedile per garantire il massimo comfort. Il modello 118 è disponibile in faggio naturale e nelle versioni laccate e mordenzate. 
 
Sviluppando la collezione 118 Sebastian Herkner si è confrontato con la storia di Thonet e con le tematiche prevalenti nel periodo Bauhaus e, in particolare, con l’esposizione intitolata “La sedia” a Francoforte. All’epoca della mostra, svoltasi a Francoforte nel 1929, si cercava una “nuova sedia” che fosse in linea con le abitudini di vita e il ritmo dell’uomo contemporaneo, come spiegava l’allora direttore della Frankfurter Kunstschule Fritz Wichert nel catalogo della mostra. A questa esposizione, concepita “come stimolo e invito a perfezionare” le idee proposte, era presente anche Thonet con numerosi modelli. Nella sua assoluta versatilità il nuovo modello 118 rappresenta un mobile destinato ai più svariati impieghi, in linea con i requisiti richiesti dalla mostra di Francoforte. 

Sebastian Herkner ha trovato successivamente un’ulteriore fonte d’ispirazione nella “sedia di Francoforte” a lungo utilizzata come seduta universale, risalente anch’essa agli anni trenta. Il modello, che si contraddistingue per la struttura solida, formata semplicemente da quattro gambe, un sedile e uno schienale, era presente nel portafoglio Thonet dell’epoca in numerose varianti. Herkner ha ribattezzato la sua nuova creazione progettata per Thonet “sedia di Offenbach”, in omaggio alla sua città natale. 

THONET su ARCHIPRODUCTS Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

 Sebastian Herkner + Thonet

Sebastian Herkner + Thonet

Lascia un commento

Prodotti correlati

Scopri il Brand

THONET

Germania
Contatta l'azienda

Notizie correlate

Thonet e XOffice per un suggestivo Office Jungle a Roma
Thonet hospitality: dalla Francia alla Spagna
Il tavolo diventa cuore pulsante della casa
Thonet: gli intramontabili classici in tubolare d’acciaio
Thonet per il recupero di Villa Blanc a Roma
Thonet per la Elbphilharmonie di Amburgo
La nuova serie Thonet ispirata alle classiche mense dei refettori conventuali
Vai al prossimo articolo
Thonet e XOffice per un suggestivo Office Jungle a Roma
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest