Un 'divano-non-divano' ispirato al tatami

Haneda, il progetto Désirée firmato Marc Sadler

Letto 302 volte
Un 'divano-non-divano' ispirato al tatami
11/06/2018 - Concepito per momenti conviviali, il divano Haneda rappresenta la filosofia Désirée, dove l’eleganza si fonde con la funzionalità.

È un “divano-non-divano”, ovvero un sistema destrutturato di sedute e schienali movibili, un richiamo al tatami, pensato per accomodarsi con libertà, naturalezza e comfort nelle svariate fasi del vivere quotidiano. 

Molteplici le combinazioni possibili: senza perdere l’intrinseca solidità funzionale, i diversi schienali possono essere disposti sopra un basamento in frassino naturale; è disponibile in differenti varianti dimensionali. 

La collezione Haneda comprende anche una proposta di tappeti bicolore con frangia, natur e corda o blu e moro in pura lana neozelandese lavorato ad effetto rilievo. 

Désirée divani su ARCHIPRODUCTSUn 'divano-non-divano' ispirato al tatami

Un 'divano-non-divano' ispirato al tatami

Un 'divano-non-divano' ispirato al tatami

Un 'divano-non-divano' ispirato al tatami

Lascia un commento

Prodotti correlati

Notizie correlate

Matteo Thun & Antonio Rodriguez per Désirée
Tra agrumi e ulivi secolari sorge Casa Dante
La leggerezza del fiore di Loto come fonte d'ispirazione
Matteo Thun & Antonio Rodriguez per Désirée
Okrezna Attic. Legno di rovere ed elementi total black
Il divano Glow-in di Désirée per il progetto Hortus
Setsu & Shinobu Ito per Désirée
Vai al prossimo articolo
Matteo Thun & Antonio Rodriguez per Désirée
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest