24 Forni a vapore

Un forno a vapore è un apparecchio con integrati i sistemi a termoconvezione per la cottura a vapore, che consente di decidere se usare le funzioni del classico forno termoventilato oppure cuocere a vapore. Si può passare da un tipo di cottura all’altro in qualsiasi momento ed è sempre possibile decidere in quale modalità cuocere un alimento. Il funzionamento del forno a vapore sfrutta la vaporizzazione dell’acqua che è, solitamente, contenuta in serbatoi laterali, integrati alla struttura stessa del forno. Con l’uso di un forno a vapore misto a tecniche termoventilate è possibile raggiungere livelli qualitativi di cottura molto elevati, poiché il vapore viene diffuso in maniera uniforme, garantendo, così, un risparmio di tempo ed energia notevole rispetto alla cottura classica.

Un forno a vapore per cucinare e mangiare sano

Aggiungere una percentuale di umidità all’aria calda nel forno migliora la cottura delle pietanze. Prima di tutto è necessario differenziare il concetto di cottura a vapore da quello di cottura con aggiunta di umidità: nel primo caso il vano del forno è saturo di vapore e l’alimento viene lessato, nel secondo caso invece si aggiunge una percentuale variabile di umidità al calore secco. In seguito è opportuno individuare le due tipologie di forni a vapore in commercio: quelli definiti forni a vapore diretto – in cui l’acqua viene inviata su una piastra rovente posta nella camera di cottura che la vaporizza – e i forni dotati di un boiler, che porta l’acqua alla temperatura desiderata e la insuffla sotto forma di vapore all’interno del forno. Il primo modello di forno non permette di realizzare cottura a bassa temperatura e la regolazione della temperatura è più difficile. Invece, le soluzioni più evolute combinano la cottura a vapore con quella ad aria calda: si tratta di forni a vapore combinati, apparecchi professionali che utilizzano sia l’aria calda che il vapore per cuocere gli alimenti, ampliando di molto le applicazioni di cottura rispetto ai forni tradizionali che utilizzano solo l’aria calda.

Tipologie e modelli: il forno a vapore da incasso è il preferito

La cottura a vapore permette ai cibi di conservare gran parte delle loro proprietà nutrizionali, tra vitamine, proteine e sali minerali. La scelta di vivere e cucinare sano ha permesso di riscoprire la tecnica di cottura a vapore, che consente di mantenere inalterate le proprietà nutritive e organolettiche dei cibi, senza compromettere il gusto e senza l’aggiunta di grassi e condimenti abbondanti. Una cottura a vapore consente di cuocere i cibi senza che questi entrino in contatto con l’acqua, come avviene, al contrario, durante la bollitura; il vapore non raggiunge mai i 100°C (a meno che non sia impostato per raggiungere tale temperatura) e permette, quindi, di cuocere tutte le pietanze. Sul mercato esistono diverse tipologie di forni a vapore: la più gettonata è sicuramente quella dei forni a vapore da incasso, che permettono di inserire l’elettrodomestico direttamente nella struttura della cucina. Tra i modelli più recenti, ci sono anche forni a vapore con controllo elettronico a touch screen, mentre i materiali più utilizzati sono metallo (solitamente acciaio inox) e vetro.

Tutti i vantaggi della cottura con forno a vapore

La cottura con forno a vapore presenta notevoli vantaggi rispetto alla cottura con forno tradizionale. Mentre in un forno ad aria secca la cottura avviene superando i 100°C, con la cottura a vapore è possibile cucinare più velocemente a temperature più basse. Il vapore si rivela più efficace rispetto all’aria calda: i forni a vapore permettono di impostare le temperature spaziando dai 35-40°C ai 120°C e i tempi di cottura; anche la temperatura al cuore dell’alimento si può scegliere e impostare con un’apposita sonda. Anche il meccanismo di cottura è completamente diverso: con il calore secco i cibi cuociono per ossidazione, mentre con il vapore (o per immersione in un liquido) cuociono per coagulazione. Questo ha degli effetti sul piatto: il prodotto non secca, restando morbido, la cottura rispetta il gusto naturale dell’alimento, non sono necessari grassi ed è possibile trasferire degli aromi al piatto attraverso il vapore. ... Altro ... meno
Filtra
Ordina per
Ordina per

Filtra

Ordina per