Benjamin Hubert racconta Raytrace

L'installazione immersiva realizzata con le superfici Dekton® di Cosentino

Letto 531 volte
Benjamin Hubert racconta Raytrace
15/05/2019 - Durante la Milano Design Week Cosentino ha presentato Raytrace, l’installazione creata da Benjamin Hubert: un’affascinante esperienza interattiva che celebra l’armonia fra natura, luce e architettura.



Posizionato negli spazi scuri e suggestivi delle gallerie di Ventura Centrale, Raytrace è un tunnel triangolare lungo 25 metri e alto 6 composto da superfici Dekton®. Queste superfici, apparentemente in equilibrio su un unico spigolo, ricreano un passaggio di grandi dimensioni da percorrere per sentirsi così parte integrante dell’installazione.  Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace è un progetto pensato per mettere in risalto il grande formato e la complessità della superficie ultracompatta Dekton®. Alla base di tutto c’è un intento poetico di ricreare l’elemento dell’acqua all’interno del materiale impiegando la luce, la forma e l’architettura e offrendo così un’esperienza sorprendente”, racconta Benjamin Hubert, fondatore di LAYER. “L’aspetto più importante di Raytrace è la sensazione che offre. Vogliamo che le persone si sentano autorizzate a toccare e interagire con l’installazione, sperimentando le proprietà uniche di Dekton®”. 

Nella fase di sviluppo di Raytrace, Benjamin Hubert si è ispirato al processo di fabbricazione di Dekton® che vede l’acqua tra gli elementi principali. Attraverso l’impiego del materiale, il designer è riuscito a imitare l’effetto di rifrazione della luce nell’acqua. Entrando nel tunnel si resta ipnotizzati da affascinanti motivi caustici - creati grazie all’inserimento di 29 sfere di vetro e 87 luci a LED - che danzano lentamente sulle superfici, evocando il senso di quiete del mondo sottomarino. Infine, due specchi posti alle estremità del tunnel si riflettono l’uno nell’altro creando l’illusione di uno spazio infinito e lasciando intravedere il gioco di motivi delle pareti interne. Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace impiega Dekton® Slim, il nuovissimo spessore ridotto, di soli 4mm, della superficie ultracompatta Dekton®.  Dekton® Slim combina tutta la resistenza e la tecnologia di Dekton® in un formato più sottile e leggero, inaugurando una nuova era nel settore delle superfici e ampliando ulteriormente gli orizzonti della progettazione architettonica. L’elemento triangolare di Raytrace è realizzato con 380 m² di Dekton® Slim Zenith, un bianco intenso dalla finitura opaca. Il pavimento dell’installazione è invece composto da 365 m² di Dekton® (spessore 20 mm) nella tonalità Spectra, una finitura nera lucida parte della collezione Dekton® Basiq Xgloss. Intorno al tunnel triangolare sono stati invece posizionati venti sgabelli in Dekton®, per incoraggiare i visitatori a sedersi e a godersi l’installazione e i suoi suggestivi motivi caustici.

Cosentino su ARCHIPRODUCTS
 Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Raytrace by Benjamin Hubert_Image Credit - David Zanardi

Lascia un commento

Notizie correlate

Vai al prossimo articolo
Raytrace: acqua, luce e architettura
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest
Salva in: