Crescere, interagire, pensare, imparare

'Making Places', l'allestimento USM firmato UNStudio

Letto 642 volte
Crescere, interagire, pensare, imparare
16/05/2019 - Crescere, interagire, pensare, imparare: queste le quattro condizioni che in un ecosistema umano, lavorativo o abitativo, non dovrebbero mai mancare. A ricordarcelo è l’allestimento di USM Modular Furniture firmato UNStudio presentato durante l'ultima edizione del Salone del Mobile di Milano.

Lo spazio ospita una collezione che si compone di “soli tre pezzi”: prodotti industriali, perfettamente ingegnerizzati, realizzati interamente in Svizzera e che impongono di essere conservati la durata di una vita e oltre.



Se lo scorso anno il Salone del Mobile aveva offerto l’opportunità a USM Modular Furniture di chiedere ai propri visitatori quali aspetti ritenessero imprescindibili in un contesto lavorativo, con il concept di quest’anno, “Making Places”, l’azienda svizzera ha voluto restituire le risposte, attraverso un allestimento che in netto contrasto con quello dell’anno precedente accoglieva i visitatori in un’area totalmente green resa possibile dalla modularità e flessibilità del loro prodotto icona.

La struttura metallica del sistema modulare USM Haller, si offriva, infatti, grazie allo seciale prototipo sviluppato in collaborazione con Ecosphere Institute di Graz, come luogo ideale per ospitare piante di diverse specie e dimensioni, dando origine ad una vera e propria isola verde con le ottimali condizioni di luce e nebulizzazione per vivere bene e crescere. 

La condizione del “growing” non dovrebbe infatti mai mancare in nessun contesto, sia esso lavorativo o domestico, come anche la presenza di un elemento vivo e naturale. 
Alla condizione della “crescita” seguiva nello stand quella del “meeting” a sottolineare l’importanza delle relazioni umane, del confronto e del dialogo tra le persone, quindi la zona dedicata al “pensiero”, al lavoro più individuale, riflessivo e concentrato, per concludersi con l’area dell’“apprendimento” caratteristica unica e fine ultimo dell’essere umano.

Uno spazio che è stato capace di creare nell’immaginario collettivo il concetto di terzo luogo, quello del lavoro individuale, ma anche collettivo, del lavoro svolto in ufficio come anche a casa, e di identificare le azioni necessarie per offrire all’uomo le condizioni ideali per esprimere la propria efficienza e creatività, in un contesto armonico, all’insegna del benessere.

USM Modular Furniture su ARCHIPRODUCTSCrescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Crescere, interagire, pensare, imparare

Lascia un commento

Hot Topics

usm unstudio

Notizie correlate

Vai al prossimo articolo
Making Places by USM: colore, energia e condivisione
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest
Salva in: