HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

Design organico e forme fluide per la nuova terrazza panoramica

Letto 828 volte
HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte
16/07/2018 - Lo scorso aprile Fraport AG, la società operativa dell’Aeroporto di Francoforte, il più grande della Germania, ha inaugurato una nuova terrazza nell’area del Terminal 1. Situata nella zona di transito, la terrazza, chiamata “Open Air Deck”, accoglie i visitatori con un’impressionante vista panoramica sulla zona di stazionamento dei velivoli. A rendere unico l’ambiente è anche il sistema di complementi d’arredo in HI-MACS®, che dà a un’invitante zona di relax grazie alla quale i viaggiatori possono godere dell’aria aperta e della luce del sole durante la loro attesa. 

Il design organico dei complementi d’arredo 
La realizzazione degli arredi di questa terrazza di 138 metri quadrati è opera del prestigioso Studio 3deluxe, un team interdisciplinare noto per il suo riconoscibile stile organico e le forme fluide dei suoi progetti.  
Ritroviamo queste caratteristiche anche nell’Open Air Deck: ne è un esempio la panchina in HI-MACS® Alpine White che costeggia la balaustra di vetro, che è voluminosa e fluida, come modellata dal vento.  
 
Meticoloso design dei dettagli 
Per i 20 metri lineari dell’arredo i designer hanno scelto HI-MACS®, solid surface resistente non solo ai raggi UV, ma anche alle intemperie e agli sbalzi termici, dunque in grado di conservarsi nel tempo. Il solid surface, inoltre, è l’unico materiale che si può lavorare in maniera tale da eliminare i segni di giunzione alla vista, per sviluppare complementi che sembrano ricavati da un unico blocco di materiale: continui, fluidi, omogenei e puliti. 

La produzione degli arredi è stata affidata all’impresa bavarese Georg Ackermann GmbH, che ha portato a termine il lavoro in sole quattro settimane. La prefabbricazione, avvenuta nello stabilimento di Wiesenbronn, ha dato origine a elementi curvati in modo da formare due assi con raggi ridottissimi. Gli stessi, poi, sono stati assemblati e rifiniti direttamente in aeroporto in due ulteriori settimane, lavorando solo ed esclusivamente di notte per consentire alle gru di trasportare i prodotti e di issarli poi sul tetto, senza intralciare le quotidiane operazioni dell’aeroporto.  

Una struttura leggera e innovativa 
Ackermann GmbH, per la creazione degli arredi, ha optato per un telaio sul quale sono stati applicati gli elementi in solid surface, in modo da ridurne il peso; un tipo di lavorazione tipico del mondo della cantieristica navale e dell’ingegneria aeronautica. 
La struttura, dopo esser stata progettata su pc in tre dimensioni, è stata realizzata in acciaio inossidabile con l’impiego di una tagliatrice a laser CO2, per singoli pezzi tutti di dimensioni differenti. 
 
Per la struttura delle sedute è stato utilizzato legno di frassino trattato termicamente, per creare un contrasto con le superfici delle parti in HI-MACS®. 
 
Un display, anch’esso in HI-MACS®, permette infine ai visitatori di ottenere informazioni interessanti sulle operazioni in corso nell’area di stazionamento degli arei. 

 HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

HI-MACS® per l’Open Air Deck dell'aeroporto di Francoforte

Lascia un commento

Hot Topics

hi-macs

Notizie correlate

Vai al prossimo articolo
Il rapporto tra natura e artificio secondo Michele De Lucchi
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest
Salva in: