Il cristallo di Boemia rivive nelle nuove collezioni Lasvit

'Trasformiamo il vetro in esperienza di luce e design'

Letto 598 volte
Il cristallo di Boemia rivive nelle nuove collezioni Lasvit
12/02/2018 - Lasvit ha presentato i nuovi progetti della Home Collection e l’allargamento di gamma delle collezioni Lighting di maggior successo. Per dar vita a queste collezioni, Lasvit continua la collaborazione con designer di fama mondiale quali Yabu Pushelberg, Kengo Kuma, Jan Plechac & Henry Wielgus, e con Maxim Velcovsky, Art Director di Lasvit, che presenta due nuove collezioni di bicchieri in vetro.
 
“L’importante presentazione di progetti che Lasvit porta a Parigi, rispecchia la volontà aziendale di diventare il punto di riferimento dell’arte vetraria e da cui trarre ispirazione” dice Aleš Stýblo, Vice-Presidente di Lasvit.
 
Neverending Glory “S” di Jan Plechac e Henri Wielgus
Neverending Glory “S” di Jan Plechac e Henri Wielgus

Neverending Glory “S” di Jan Plechac e Henri Wielgus

Di Neverending Glory, una delle più importanti collezioni di illuminazione di Lasvit, viene presentata la versione in dimensioni ridotte, Neverending Glory Small. La collezione è composta da cinque lampadari in cristallo opale o trasparente dalle forme tondeggianti e raffinate che ricordano i grandi chandelier presenti nei più importanti teatri al mondo.
 
“La collezione Neverending Glory si ispira ai classici e magnifici chandelier in cristallo della storia, rivisitati in chiave contemporanea e da vivere in contesti di interior più attuali”, dice il designer Henry Wielgus.
 
Yakisugi di Kengo Kuma
Yakisugi di Kengo Kuma

Yakisugi di Kengo Kuma

La collezione di oggetti Yakisugi segue la collezione di sistemi di illuminazione presentata a Euroluce 2017. Si ispira all'antica tecnica giapponese che permette di conservare il legno da costruzione carbonizzandone la superficie. “La collezione Yakisugi nasce dall’indagine e dallo studio della matericità del vetro e della naturale struttura del legno. Ho voluto catturare l’anima del legno, all’interno del vetro.” spiega Kengo Kuma.
 
Utilizzando legno secco invece dei tradizionali stampi impregnati, il legno si carbonizza a contatto con il vetro fuso. In questo modo, l'impronta della sua struttura bruciata diventa parte della superficie del vetro, rendendo ogni oggetto autentico, originale. L’aver modificato una tecnica manifatturiera antica ha dato una vita ad una collezione contempoanea e minimalista che combina forme geometriche e insolite texture organiche.
 
I servizio di bicchieri Muster e Neogothic di Maxim Velčovský
Muster by Maxim Velcovský

Muster by Maxim Velcovský

Nel progettare la collezione Muster, Maxim Velkosky si è ispirato alla vivacità nell’osservare un bicchiere come fosse un calidoscopio. Riproducendo le strutture ottiche, Maxim ha creato l’effetto di una decorazione trasparente. Ogni bicchiere è originale e ha un disegno unico ed esclusivo.
Neogothic by Maxim Velcovský

Neogothic by Maxim Velcovský

Il bicchiere Neogothic mette in risalto le caratteristiche specifiche di un vetro storico: il vetro potassico. Grazie alle sporgenze presenti sulla superficie, i bicchieri non scivolano più dalle mani. Neogothic è l’emblema della reinterpretazione storica traghettata nel 21 secolo.

Otto by Yabu Pushelberg
Otto di Yabu Pushelberg

Otto di Yabu Pushelberg

Un servizio completo in cristallo di bicchieri, decantatori, una caraffa e un secchiello per il ghiaccio danno vita alla collezione Otto. I bicchieri in cristallo trasparente di Boemia dall'aspetto ben delineato hanno la base e lo stelo resistenti. Le linee di taglio radiali e tangenziali alternate donano un aspetto rigoroso alle silhouette basse e alte, mentre la proporzione di taglio sul vetro trasparente cambia per ogni oggetto.

La collezione Otto, pulita ed elegante, è caratterizzata da un design equilibrato, da qualità formali e dalla maestria artigianale di ogni singolo manufatto.

Lasvit on Archiproducts.com
Lascia un commento

Notizie correlate

Vai al prossimo articolo
Kengo Kuma, Zaha Hadid Design, Yabu Pushelberg, Ed Ng e Terence Ngan
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest