Le ceramiche di Gio Ponti al MoMa di New York

Appuntamento fino al 29 settembre nel PopUp Store del museo americano

Letto 371 volte
Le ceramiche di Gio Ponti al MoMa di New York
10/09/2019 - I colori del cielo e del mare, i tratti geometrici e infintamente combinabili come i profili della natura, il tocco leggero della mano guidata dal cuore. Nasce da qui la Collezione Blu Ponti, ideata negli anni ’60 da Gio Ponti, padre dell’industrial design italiano, e rieditata da Ceramica Francesco De Maio. La speciale maiolica 20x20, rigorosamente decorata a mano, è stata selezionata dal Musem of Modern Art di New York per rappresentare il made in Italy nella vetrina internazionale. 

La “Blu Ponti” sarà esposta nel primo fashion PopUp store del MoMa di New York fino al 29 settembre. Lo store (anche on line su store.moma.org), è frutto del progetto Fattobene, la piattaforma ideata da Anna Lagorio ed Alex Carnevali, con l’obiettivo di celebrare tutti quegli oggetti di uso quotidiano, nati dall’estro dei designer italiani, e che restano segni intramontabili della storia del Paese. 

Sono 150 gli oggetti “iconici” attentamente selezionati, che saranno presenti nel PopUp di Fattobene in vetrina al MoMa Design Store di Soho, NY. Dalle amarene in barattolo della Fabbri, ai quaderni Paolo Pigna, alla spaghetti arm chair di Fiam, fino ad arrivare alle carte da gioco Modiano. Tutte pietre miliari dell’italian style degli anni ’60, che ha fatto da naturale cornice alla nascita del brand made in Italy. Diciotto le aziende chiamate a rappresentare il design storico italiano negli Stati Uniti, con i loro prodotti – spiegano i curatori del merchandising del Museum of Modern Art – «che esistono da generazioni, con un design senza tempo». 

«E’ una grande gioia portare questi capolavori della nostra cultura materiale in un luogo come il MoMA Design Store - afferma Anna Lagorio, co-fondatrice di Fattobene - È un omaggio al design senza tempo e a tutte quelle aziende italiane che hanno creato oggetti in grado di superare la prova del tempo». 

Accanto alla maiolica, nello speciale store del museo newyorkese, anche il primo libro sulla maiolica Blu Ponti, “Gio Ponti: L’infinito blu”, curato da Aldo Colonetti e Patrizia Famiglietti, con testi di Gillo Dorfles, Fulvio Irace, Lisa Ponti e Salvatore Licitra interamente dedicato al poliedrico designer milanese ed alla creazione dei decori Blu Ponti. Un vero e proprio scrigno dei disegni di Gio Ponti, delle sue fotografie inedite, dei colori che dettarono lo stile italiano degli anni ’60, e, soprattutto, dei suoi 27 decori “bianchi e blu” usati per pavimentare il Parco dei Principi di Sorrento e degli altri 6 rimasti fino ad oggi solo disegni, ma che ora sono tutti prodotti dai maestri decoratori della Ceramica Francesco De Maio. 

«Essere stati selezionati dal MoMA di NY è per noi un riconoscimento importante - afferma Patrizia Famiglietti, Art Director della Ceramica Francesco De Maio - che rende ancor più preziosa questa maiolica d’autore. Siamo orgogliosi di poter rieditare fedelmente queste maioliche che oramai sono un’icona storica del design italiano e questo grazie ai co-fondatori di Fattobene che ci hanno proposto e, in particolare, ai nostri decoratori che ci aiutano a preservare nei secoli l’antica arte vietrese della maiolica decorata interamente a mano». 

CERAMICA FRANCESCO DE MAIO su ARCHIPRODUCTS

 Le ceramiche di Gio Ponti al MoMa di New York

Le ceramiche di Gio Ponti al MoMa di New York

Le ceramiche di Gio Ponti al MoMa di New York

Le ceramiche di Gio Ponti al MoMa di New York

Lascia un commento

Prodotti correlati

Notizie correlate

Vai al prossimo articolo
Puntini, una 'nebulosa' dai mille colori
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest
Salva in: