Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Rimandi baschi, cultura giapponese. Melting pot di ispirazioni per la collezione Edo

Letto 904 volte
Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi
12/09/2018 - Per la nuova collezione Alessi Patricia Urquiola firma Edo, la nuova famiglia di pentole composta da 16 elementi differenti per tipologia, dimensioni e materiali. Il concept nasce da riferimenti culturali e rimandi personali, l’ispirazione proviene dalle radici basche della progettista, dalla civiltà giapponese, dalla lingua latina.

Si parla d’ispirazione come se fosse qualcosa che si trova nell’aria e il progettista fosse un essere dotato di una sensibilità speciale capace di percepirla”, afferma l’autrice, “per me invece è qualcosa di interiore, riguarda la memoria affettiva, emozionale e culturale, che fa percepire gli elementi che diventano trainanti nel progetto. È un cortocircuito che si crea tra memoria personale e realtà”. 

Questi “cortocircuiti” hanno guidato anche il progetto delle pentole Edo: “c’è un gioco di rimandi”, spiega, “di associazioni tra cose che sono distanti, ma nella mia testa vicine. Il nome deriva dal latino edere, ‘io mangio’, ma è anche l’antico nome di Tokyo, città per me di riferimento”. Dal Giappone provengono molte delle pentole che la designer usa in cucina, dove mescola strumenti e ingredienti di provenienze diverse. “Questo progetto”, aggiunge, “è la mia risposta ai cambiamenti che osservo nella società, al moltiplicarsi di fantastici scambi tra culture differenti”. 

A guidare l’autrice è anche il desiderio di creare un oggetto che non sembri seriale: la forma cilindrica dei contenitori è addolcita da una svasatura, un invito al gesto di versare; le maniglie brunite, che sembrano nastri appuntati al corpo delle pentole, donano leggerezza al disegno complessivo. Le radici spagnole della designer si trovano nella forma dei coperchi: “volevo che fosse diversa dalle altre, concava invece che convessa: una specie di chapela basca. Una volta che il tema del basco è entrato nella mia testa, non è più uscito da lì”.

C’è un pentolino che io amo particolarmente, è quello un po’ alto, anche un po’ “sciocco”, con il manico laterale, come un orecchio... non lo chiamerei ‘bollilatte’ perché è un oggetto così simpatico che obbliga a ribattezzarlo con un nome divertente. Lui rappresenta l’anima segreta della collezione, la gentilezza di questo progetto. Lui è il vero Edo... ecco il nome: Edoardo!

ALESSI su ARCHIPRODUCTSLe nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Le nuove pentole di Patricia Urquiola per Alessi

Lascia un commento

Notizie correlate

Vai al prossimo articolo
Il nuovo bollitore elettrico di Michele De Lucchi per Alessi
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest