Lea Ceramiche al Cersaie

In anteprima le nuove lastre Slimtech Delight e Bio Select

Letto 1710 volte
Lea Ceramiche al Cersaie
19/09/2018 - “La natura seconda della materia” è il concept Lea Ceramiche dello stand per Cersaie 2018 firmato, ancora una volta, da Diego Grandi; una realizzazione che vede dialogare il materiale ceramico con l’architettura attraverso astrazioni fisiche di matrice razionalista. Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Le superfici esprimono la propria forza richiamando materie primarie presenti in natura, come il legno, la pietra o il cemento, ma con rielaborazioni che imprimono un’identità nuova e personale: una seconda natura, appunto. Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Seguendo una modulazione fluida e ricercata, il percorso si conclude con le collezioni più rappresentative, frutto dell’espressione creativa di designer internazionali e della loro feconda collaborazione con l’azienda che, da sempre, è in grado di supportare e affiancare con il proprio know how e alta tecnologia qualsiasi idea progettuale. 
   
Novità assolute per quest’edizione 2018 dell’appuntamento bolognese sono Slimtech Delight e Bio Select. Slimtech Delight

Slimtech Delight

Rendere le superfici ceramiche una componente chiave nella definizione degli spazi è l’obiettivo di Slimtech Delight, la nuova collezione effetto marmo di Lea Ceramiche, che introduce impattanti variazioni estetiche, con nuove sensazioni tattili e nuovi formati. 

Dall’intenso Marquina Nero con le caratteristiche venature bianche, al Calacatta Oro in cui i disegni percorrono la lastra in maniera trasversale e facilmente riconoscibile, si passa al colore Invisible Light, una base bianca di fondo, caratterizzata da una presenza di venature irregolari e molto impattanti; per finire con Venato Bianco, contraddistinto da pattern più delicati. Quattro proposte materiche che interpretano un materiale naturale e antico come il marmo, ma con un’impronta post moderna e più conforme ai gusti del tempo. La ricerca e l’affinamento delle tecniche di lavorazione di Lea Ceramiche sono arrivate alla definizione di molteplici varietà di disegni la cui resa, sul materiale ceramico, risulta nitida e vibrante: lastre con una forte presenza scenica per arredare spazi pressoché infiniti.

Delight appartiene alla gamma Slimtech di Lea Ceramiche, le rivoluzionarie lastre in gres laminato, proposte con spessori da 3,5 mm, 5,5 mm e 6mm di spessore e con formati di 100 x300 cm fino a 120x260cm. Slimtech Delight

Slimtech Delight

Presentata in spessore 6 mm e in 3 formati – 120 x 260 cm, 120x120cm, 60x120cm-, Slimtech Delight si declina in tre differenti textures: LEV, una finitura lucida che richiama la classica levigatura del marmo ed è ideale per interni e per il commerciale leggero; NAT una texture opaca e materica per i più ampi impieghi. Infine TOUCH, una nuova finitura matt, morbidissima al tatto e vellutata: una lavorazione della superficie che esalta la venatura e la profondità delle pietre per un utilizzo residenziale e commerciale leggero.

Bio Select nasce dall’idea di ricreare sulla superficie della materia ceramica, le tracce ed il calore dei pavimenti in legno con un imprinting naturale ed elegante. Bio Select

Bio Select

Le essenze a cui si ispira sono quelle del rovere e del noce, tra le più pregiate in natura. Nei laboratori di ricerca di Lea Ceramiche, uno studio puntuale e meticoloso, ha portato ad individuare tonalità e disegni da riprodurre sul gres porcellanato grazie alla sempre più innovativa tecnica di stampa digitale. Ne derivano cromatismi e venature perfettamente calibrati: grafiche sinuose nel caso del noce, maggiore irregolarità e sfumature in quella del rovere, ma con un risultato estetico perfettamente armonico declinato nelle sette cromie di base. Bio Select

Bio Select

Proposta in 7 diversi colori, la collezione si compone di un impianto decorativo ugualmente ricco e variegato costituito da 5 decori. Nella tradizione stilistica di Lea Ceramiche, i tagli dei moduli consentono molteplici combinazioni di posa dal tratto geometrico e dallo stile inconfondibile. Soluzioni disegnate con doghe a spina di pesce o con forme trapezioidali, consentono di personalizzare l’ambiente rendendo il materiale ceramico un cruciale elemento decorativo. Le doghe, disponibili in formato 20 x 120 cm e 30 x 120 cm sono proposte anche nel grande formato 30 x 180 cm, sviluppato a tutta lunghezza, per conferire agli spazi un’eleganza naturale resa preziosa dalla qualità e dalla verosimiglianza alle essenze originali. Completano la collezione le doghe in formato 30 x 120 cm a spessore 20 mm che permettono di creare una perfetta continuità tra interni ed esterni.

Significativo ampliamento viene presentato anche per Nextone, la serie ispirata alle pietre, che si arricchisce del formato 90 x 90 cm.

Come sempre, è importante il contributo dei designer all’offerta di Lea Ceramiche: sono infatti presenti sullo stand anche le più recenti collezioni Concreto, firmata da Fabio Novembre e presentata con grande successo all’ultima Milano Design Week, e Take Care con i decori Pad firmati da Patrick Norguet; oltre a uno spazio specifico che ricorda le principali collaborazioni sul design dell’azienda.

Infine, la presenza di Lea Ceramiche a Cersaie 2018 verrà potenziata da una esperienza di realtà virtuale, con il lancio del progetto REAL, un sistema di configurazione digitale degli ambienti che consentirà di sperimentare la resa del prodotto ceramico in ambienti reali con una qualità mai vista prima. 

LEA CERAMICHE su ARCHIPRODUCTS
 Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lea Ceramiche al Cersaie

Lascia un commento

Notizie correlate

Vai al prossimo articolo
Le superfici cementizie secondo Fabio Novembre
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest
Salva in: