LEGO e i mattoncini sostenibili

I nuovi pezzi pezzi realizzati con una plastica di origine vegetale

Letto 134 volte
LEGO e i mattoncini sostenibili

05/06/2018 - Lego, azienda leader da oltre 60 anni nella produzione di giochi creativi d’intrattenimento per bambini,  annuncia un nuovo grande passo verso la sostenibilità.

Da quest’anno, infatti, entreranno in commercio alcuni pezzi realizzati con una nuova plastica di origine vegetale. Si tratta di elementi botanici che riproducono foglie, alberi e cespugli ottenuti con l’impiego di polietilene, prodotto dall’etanolo e ricavato dalla lavorazione della canna da zucchero.

Il polietilene è una plastica morbida, resistente e flessibile che, nonostante la sua origine 100% vegetale, assicura la realizzazione di materiali tecnicamente identici a quelli prodotti utilizzando la plastica tradizionale. 

I prodotti Lego hanno sempre offerto esperienze di gioco di alta qualità dando ad ogni bambino la possibilità di concepire il proprio mondo attraverso un gioco creativo. I bambini e i genitori non noteranno alcuna differenza nella qualità o nell’aspetto dei nuovi elementi, poichè il polietilene di origine vegetale ha le stesse proprietà di quello convenzionale”. Così ha infatti dichiarato Tim Brooks, Vice Presidente e Responsabile della Sostenibilità ambientale, del Gruppo Lego.

I nuovi elementi sostenibili sono stati testati per garantire che la plastica ottenuta dalla speciale lavorazione della canna da zucchero rispetti gli standard di sicurezza e qualità già fissati e, oggi, rappresentano un primo passo verso il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità che il Gruppo Lego si prefigge per il 2030. “L’obiettivo del Gruppo è quello di avere un impatto positivo sul pianeta, e proprio per questo stiamo lavorando molto per sviluppare nuove materie sostenibili da utilizzare per la realizzazione di fantastici giochi per bambini. Siamo orgogliosi perché i primi elementi realizzati con materie plastiche ecosostenibili sono già in produzione e quest’anno saranno presenti nei set Lego. Si tratta di un primo grande cambiamento e un passo avanti verso il nostro obiettivo: produrre mattoncini utilizzando materie sostenibili“, continua Tim Brooks.

La canna da zucchero utilizzata da Lego per l’industria delle bioplastiche proviene da fonti che rispettano i criteri di conformità della BFA – Biolastic Feedstock Alliance, alla quale Lego ha aderito; mentre la plastica vegetale ottenuta è certificata dalla normativa della Catena di Custodia dell’Associazione Bonsucro per un uso responsabile della canna da zucchero.

Gli esemplari botanici realizzati, per il momento rappresentano l’1-2% della produzione totale ma Lego, forte della collaborazione stabilita già da tempo con il WWF per aumentare la domanda di mercato della plastica ottenuta da fonti sostenibili e mossa dai cambiamenti attuali nella produzione sostenibile, si prepara ad una grande sfida: produrre mattoncinitotalmente eco-sostenibili.

In collaborazione con Material ConneXion Italia

Lascia un commento
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest