Oluce: Timeless Light

Le novità del brand presentate durante la Milano Design City 2020

Letto 1253 volte
Oluce: Timeless Light
21/10/2020 - Oluce ha messo in mostra le sue novità 2019-2020 nella cornice milanese di Milano Design City 2020 dal 28 Settembre al 10 Ottobre. Per l’occasione lo showroom Molteni&C | Dada di via Solferino, angolo via Pontaccio, ha ospitato le novità, ambientandole in una cornice dall'allure senza tempo. I prodotti in mostra sono espressione di un’estetica ben definita e di un nuovo modo di intendere gli spazi: lampade da esterno e da interno, i più recenti progetti disegnati da emergenti designer, riedizioni firmate da maestri del design quanto mai attuali, ampliamenti di gamma e prodotti già a catalogo rinnovati con nuove e contemporanee finiture.

La famiglia Ilo, progettata dal designer madrileno David Lopez Quincoces, si sviluppa su tre varianti di prodotto: lampada a sospensione, sospensione con movimento verticale e lampada a parete. Ad accomunare tutti i modelli, il disegno longilineo della barra in alluminio, lavorata con meccanica di precisione, che accoglie la fonte luminosa. Ilo

Ilo

Un omaggio ai maestri dell’illuminazione è la riedizione di un progetto degli anni ’50 firmato da Ostuni e Forti. La lampada, chiamata 1953 proprio a rievocare l’anno della sua prima creazione, è composta da due modelli, terra e tavolo, differenti nelle proporzioni e nelle dimensioni ma uguali nel disegno che sposta l’intero paradigma del paralume da centro al lato. 
Una famiglia che richiama con gentilezza agli stilemi di quegli anni, come l’utilizzo del paralume dalla classica forma cilindrica e il prezioso contrasto dell’oro satinato – tige e parte interna del paralume – con il nero – parte esterna del paralume, base e impugnatura del tige. 1953

1953

Tra le novità prodotto l’azienda propone alcuni progetti disegnati da giovani ed emergenti designer dello IED – Istituto Europeo del Design di Roma.

Marta Perla disegna Siro, una lampada da tavolo composta da una lente e da un disco frontale che libera – grazie ad una sottilissima fonte LED - una luce radente al suo interno. Se vista frontalmente, Siro è costituita soltanto di due elementi bidimensionali, suscitando l'illusione di essere in perfetto equilibrio sul piano. Siro

Siro

Mariana Pellegrino Soto ha disegnato le principali novità per le collezioni dedicate sia all’indoor che all’outdoor: prodotti pensati e realizzati per l’indoor che – con finiture, dimensioni e specifiche costruttive differenti – possono essere utilizzati anche all’esterno, o viceversa. 
Amanita nasce come una lampada da lettura composta da due dischi: il primo, più sottile, a fungere da base, il secondo, più spesso, accoglie la fonte luminosa LED. I due cerchi metallici sono collegati e distanziati da un tige obliquo e sottile a formare una sorta di ‘Z’. 
Lo stesso disegno, aggiornato nelle proporzioni e modificato nei materiali e nelle finiture, viene proposto in versione da outdoor. Da lampada da lettura, Amanita si trasforma in un segna-percorso per esterni.  Amanita

Amanita

Il progetto di Federica Farina, invece, è dedicato esclusivamente al mondo outdoor. Otto è una lampada segna-percorso dalle forme morbide ed avvolgenti. Dalla base, un sottile disco, si alza lo stelo cilindrico, su cui poggia una semisfera con all’interno la luce Led, che grazie ad un meccanismo che ne permette l’inclinazione, è capace di orientare il fascio luminoso in diverse direzioni. Otto

Otto

Accanto alle nuove collezioni, Oluce presenta anche un ampliamento di modelli, dimensioni e finiture di alcuni dei prodotti già a catalogo.

Berlin di Christophe Pillet si ispira ai diktat estetici della Bauhaus. In coincidenza con il centenario di questo celebre movimento, Oluce amplia la gamma di formati disponibili presentando la nuova versione ø50 cm, che si aggiunge a quelle ø40 da soffitto e ø30 già presenti in collezione. Berlin si concretizza in un anello metallico dallo spessore importante e dal profilo sottile, al cui interno è racchiuso un disco in vetro retinato. La finitura ottone satinato richiama echi déco, riportati alla contemporaneità dalle forme disegnate e dall’utilizzo della fonte luminosa LED. Berlin

Berlin

La collezione Alba, progetto di Mariana Pellegrino Soto, si arricchisce con nuovi modelli a parete, a sospensione, da tavolo e da terra. Accanto ai nuovi modelli, Alba moltiplica anche le finiture disponibili, inserendo la nuova verniciatura in anodic bronze per le versioni sospensione e terra. Alba

Alba

Semplice, disegnata per Oluce da Sam Hecht, è una lampada una lampada da tavolo composta da un’unica campana in vetro soffiato, contemporaneamente diffusore e base del progetto. L’estremità inferiore si poggia infatti direttamente sul piano, mentre la parte superiore della campana che accoglie il bulbo luminoso è rivestita internamente da una calotta metallica, oggi proposta nella nuova finitura oro satinato smaltato.  Semplice

Semplice

Lys, disegnata da Silvana Angeletti e Daniele Ruzza, è una lampada da sospensione caratterizzata dalla particolare testa luminosa a forma di campanula, sinuosa e slanciata, al cui interno è contenuta la fonte luminosa LED. Novità 2020 le nuove varianti oro satinato smaltato e bronzo anodic. Lys

Lys

Le stesse finiture vengono proposte anche per altre due lampade del catalogo Oluce: Kin e Lens.
Kin, lampada a sospensione in cui il corpo in fusione di alluminio e un cuore Led, vengono combinati magistralmente nel disegno di Francesco Rota. La forma scampanata del corpo, con i suoi spessori sottili, si chiude con un disco in metacrilato da cui si propaga la sua luce Led. 
Lens, anch’essa disegnata da Francesco Rota, è una lampada da parete ispirata alla scultura contemporanea, che gioca con la curvatura delle superfici in un interessante rimando di luce e specchi. Lens infatti una lampada a parete a luce diretta con uno schermo concavo che crea una barriera tra la sorgente luminosa e lo spazio circostante.  Kin

Kin

Nuove finiture anche per tutta storica collezione di lampade Colombo, disegnata da Joe Colombo nel 1970 sulla spinta della veloce diffusione della sorgente luminosa alogena e riconosciuta come una delle icone della storia del design italiano. Il progetto è infatti una delle prime lampade domestiche ad aver utilizzato la nuova lampadina, oggi sostituita da una nuova fonte luminosa a Led.  Colombo

Colombo

Infine, due inedite versioni dell’iconiche lampade disegnate da Vico Magistretti che hanno fatto la storia dell’azienda: la lampada da terra Pascal proposta – accanto alla classica bianca con base in pietra serena – nella nuova variante in anodic bronze e la lampada da tavolo Atollo, anch’essa proposta nella nuova variante anodic bronze. 
Due lampade che esaltano con la loro perfezione l’estetica progettuale di Vico Magistretti: forme geometriche purissime, unite tra loro a creare composizioni funzionali e simboliche. In Atollo il cilindro, il cono e la semisfera convivono in un perfetto equilibrio di proporzioni. In Pascal, il cono viene esaltato dalla ripetizione.  Atollo

Atollo


Oluce su ARCHIPRODUCTS
 Pascal

Pascal

Siro

Siro

Alba

Alba

Ilo

Ilo

Amanita

Amanita

Alba

Alba

Alba

Alba

Alba

Alba

Atollo

Atollo

Berlin

Berlin

Pascal

Pascal

1953

1953

Amanita

Amanita

Alba

Alba

Lys

Lys

Ilo

Ilo

Oluce: Timeless Light

Oluce: Timeless Light

Prodotti correlati

Notizie correlate


Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest
Seguici sui social
Salva in: