Snaidero ad Agrigento

Il restyling dello spazio espositivo presso Milia Living Home

Letto 121 volte
Snaidero ad Agrigento
06/08/2018 - Continua a rinforzarsi ancora dopo 25 anni la collaborazione tra Snaidero e Milia Living Home di Agrigento. Recente, l’aggiornamento dello spazio espositivo che è stato totalmente rivisitato e progettato per offrire al cliente un’esperienza ancora più tangibile di qualità, professionalità ed emozione.

Sulla base di queste premesse si rinnova lo spazio Snaidero con 6 cucine best seller all’interno di 250 mq che definiscono un ambiente ricercato nell’atmosfera e curato nella proposta, per poter accogliere il cliente in una dimensione estremamente rilassata per capire le esigenze e progettare soluzioni sartoriali e personalizzate. Del resto, la cucina per Snaidero è da sempre uno spazio di benessere condiviso che si racconta in ambienti capaci di soddisfare qualsiasi esigenza estetica, abitativa e funzionale.

L’azienda Milia sostiene una lunga tradizione nel mondo dell’arredo e della progettazione d’interni, con una visione, come quella di Snaidero, fortemente radicata sul territorio siciliano e, al contempo, senza confini, grazie ad una strategia di integrazione del canale online e offline che ormai vede lo store protagonista anche sul panorama internazionale.  Milia, in un posto ameno come Favara (Ag), ha saputo creare sinergia con il Farm Cultural Park, il primo parco turistico che ospita un Centro Culturale Indipendente costruito in Sicilia, e che accoglie settimanalmente professionisti da tutto il mondo nel campo dell’architettura del design e dell’arte contemporanea. 

Innovazione, design, personalizzazione e assoluta attenzione alle continue trasformazioni del mercato e degli stili dell’abitare caratterizzano lo spazio Snaidero in Sicilia e la rinnovata partnership con Milia Living Home.

Snaidero su ARCHIPRODUCTSSnaidero ad Agrigento

Snaidero ad Agrigento

Snaidero ad Agrigento

Snaidero ad Agrigento

Lascia un commento

Hot Topics

snaidero

Notizie correlate

Vai al prossimo articolo
Hera: il country inglese in chiave contemporanea
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest