Tornano gli Archiproducts Design Awards

A selezionare i vincitori degli ADA 2018 studi e fotografi di architettura, giornalisti, creative director, fashion designer e hub creativi da tutto il mondo

Letto 1271 volte
Tornano gli Archiproducts Design Awards
12/07/2018 - Giunti alla terza edizione, gli Archiproducts Design Awards tornano anche quest'anno per premiare l'eccellenza nel design e nell'architettura. La selezione dei vincitori 2018 è affidata ad una giuria composta da studi e fotografi di architettura, giornalisti, creative director, fashion designer e hub creativi da tutto il mondo. Mario Cucinella, Ben Van Berkel, Carlo Ratti, Studio Milo, Marcio Kogan

Mario Cucinella, Ben Van Berkel, Carlo Ratti, Studio Milo, Marcio Kogan

Il design è questione di testa, cuore e mani. Una combinazione perfetta che permette di creare oggetti e spazi da abitare, capaci di migliorare il vivere contemporaneo. E’ la “magia del progetto”, della collaborazione tra produttori e designer che mettono in relazione mezzi e talento per dare forma al processo creativo. Ed è per evidenziare l’importanza di questi incontri che tornano gli Archiproducts Design Awards. Per premiare la ricerca sperimentale e l’innovazione, ma soprattutto per sottolineare il potere emozionale e funzionale del progetto. La call for entries dell'edizione 2018 del premio è ufficialmente aperta!
 
I vincitori saranno selezionati da una giuria sempre più qualificata. Un melting pot internazionale che, tra conferme e volti nuovi, riflette l’identità e l’evoluzione del premio. Dall’arte alla moda, dallo storytelling alla fotografia, la composizione della giuria 2018 include alcuni tra i più influenti creative e art director, fashion designer, editor e giornalisti di settore. Accanto a fotografi e studi di Architettura che sfidano i limiti della progettazione per creare prodotti e strutture capaci di dialogare con lo spazio.
 
India Mahdavi, Ramón Esteve, Anwar Mekhayech, Diego Grandi, Paola Navone, Enrico Baleri, Anne Marie Goneau e Fabio Fantolino si uniscono a Mario Bellini, Ben van Berkel, Satoshi Kurosaki, Fran Silvestre e Marcio Kogan nella valutazione dei prodotti candidati agli ADA 2018.
 
Studio Zaven e Studio Milo sono gli studi di Architettura che si aggiungono a Marcante-TestaVudafieri Saverino Partners, noa* – network of architecture, Masquespacio e Cruz y Ortiz Arquitectos, che ritornano in qualità di giurati.
 
Tra le novità di questa giuria ci sono Armin e Alexander Pedevilla dello studio pedevilla architects, i progettisti che fanno il punto sulla sostenibilità del progetto e la creazione di strutture innovative capaci di interagire con lo spazio, e la designer francese Florence Bourel, che ha trasmesso il suo mix di influenze bretoni e africane ai suoi lavori per Hermès.
 
Salva López torna come giurato, insieme a Fernando Guerra e Fernando Alda tra i fotografi di architettura della giuria.
 
Entrano a far parte della giuria degli ADA anche Azamit – esperta in Visual Storytelling e fondatrice del brand canadese In Toto;  Melissa Jones – direttore creativo e founder dell’agenzia DTE studio di New York, con background nel fashion, beauty e luxury; Francesca Molteni – giornalista fondatrice di MUSE Factory of Projects e  contributor per Vogue, Casa Vogue Italy, GQ, Elle Decor e IlSole24Ore; Natalie Shirinian – fondatrice dell’agenzia NES Creative di New York; i creativi di THREEFOLD, agenzia di comunicazione di Montreal anche editore del magazine online Anniversary; e ancora Sam Baron, Edoardo Tresoldi e la curatrice indipendente Alice Stori Liechtenstein.Tornano gli Archiproducts Design Awards

Tornano gli Archiproducts Design Awards

Lascia un commento
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Plus Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest