'Unfluencer – De-sinning The Designer'

Il progetto di Freitag e Georg Lendorff dedicato al design 'cattivo'

Leggi in
italiano
04/04/2019 - Il marchio di borse zurighese Freitag e l’artista Georg Lendorff invitano a scoprire durante la Milano Design Week "Unfluencer", presso Ventura Centrale in via Ferrante Aporti 23. Lo scopo è quello di dare il via ad un nuovo dibattito sul concetto di «buono» e «cattivo» in materia di design nel 21° secolo.

"Perché per una volta, invece di parlare della bellezza, non parliamo di design 'cattivo'?", si è chiesto Freitag, il produttore zurighese di borse ricavate da teloni di camion. Parlare di cattivo design, ovvero dei propri lavori peggiori, non solo sarebbe molto più divertente ed emozionante, ma offrirebbe degli spunti interessanti oltre che un punto di vista più sincero. Ora il brand vuole smascherare l’ipocrisia di facciata e, insieme all’artista Georg Lendorff, dà il via ad un dibattito dedicato al design «cattivo» e altri errori. 'Unfluencer – De-sinning The Designer' 2

L'iniziativa è supportata dagli scenografi di Ortreport. Al centro (anche in termini spaziali) di «UNFLUENCER– De-sinning the Designer» si trova un’installazione immersiva di filmati e luci. Proiezioni su migliaia di fili appesi al soffitto rendono sfocata la percezione spaziale e temporale dell’osservatore e dei passanti, offrendo un rifugio ideale per un breve momento di riflessione nel bel mezzo della frenesia milanese lunga 4 giorni, al riparo da tutti gli influssi esterni. I visitatori potranno anche confessare tutti i loro peccati in fatto di design e acquisti, completamente soli e in modo anonimo o nel contesto di un colloquio confidenziale a due. 'Unfluencer – De-sinning The Designer' 3

Alla domanda: "che cosa si intende di preciso con design «cattivo» e con peccati consumistici, per i quali si rende necessaria una confessione?" il «FREITAG Cyclist Manifesto» offre qualche utile linea guida.

L’appello dei fratelli Freitag a favore dell’economia circolare, della qualità e della durevolezza ha avuto origine in occasione della loro esposizione «FREITAG Ad Absurdum» presso il Museo del design di Losanna, il mudac, ed è da intendersi come un manifesto mai ultimato e in continua fase di revisione, dedicato al comportamento dei consumatori nel 21° secolo.

Affinché i colloqui sul design scadente e sui consumi sbagliati proseguano anche per le strade di Milano, tutti i designer e i consumatori che lasciano la volta possono farsi marchiare come «de-sinned» (purificati) e rendersi riconoscibili in tutta la città come individui affidabili e colpevoli degli stessi peccati. 

'Unfluencer – De-sinning The Designer' 
Ventura Centrale, via Ferrante Aporti 23
9 - 14 aprile 2019 
'Unfluencer – De-sinning The Designer' 4

'Unfluencer – De-sinning The Designer' 5

'Unfluencer – De-sinning The Designer' 6


Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Tumblr Condividi su Pinterest
Salva in:
Seguici sui social