Comandi remoti per rubinetti

Utili soprattutto in caso di docce o vasche, i comandi remoti per rubinetti permettono di regolare il flusso dell'acqua anche quando l'acqua non viene fuori dall'attacco idrico. Per questo motivo sono associati alle bocche erogatrici delle quali regolano le funzioni. In alcuni casi infatti, per esigenze funzionali o estetiche, è opportuno acquistare separatamente bocche di erogazione e i comandi remoti per rubinetti.

Quando è utile ricorrere ad un comando remoto per rubinetti?

Oltre che per esigenze di design è utile ricorrere ad un comando remoto per rubinetto per questioni di spazio.
I comandi remoti a muro svolgono al meglio questa funzione perché sfruttano la prossimità dei sanitari alle pareti, si tratta di un'installazione pratica in quanto libera spazio sul piano. Questa tipologia di rubinetto è comodamente utilizzata anche su lavabi e bidet. Di contro, come i generici rubinetti a muro, è necessario installarli utilizzando i fori predisposti già durante la creazione dell'impianto idrico-sanitario e richiedono un intervento di muratura più invasivo in caso di sostituzione.
I comandi remoti da piano presentano spesso un design compatto per mitigarsi con il piano del sanitario sul quale sono installati. Solitamente questa tipologia presenta fogge più particolari in modo da rappresentare anche un elemento decorativo di design. Essendo svincolati dall'erogazione in caso di sostituzione comportano una spesa inferiore.
Entrambe le tipologie possono essere utilizzate da sole come miscelatore, associandoli solo alla bocca di erogazione o in due o più pezzi in caso di rosette separate o set per la doccia o la vasca. In questo caso è importante accertarsi che le manopole abbiano un facile utilizzo e non entrino in conflitto tra loro.

Dal retrò al contemporaneo: libertà di stile

Lo stile del comando remoto è soggettivo; si adatta quello degli altri rubinetti, dei sanitari e del bagno in generale. Esistono quindi un'infinità di stili, dal classico retrò al moderno.
Sono spesso utilizzate forme geometriche semplici come i cilindri, o con una presa facilitata come le manopole e leve, utili in caso di uso con le mani bagnate e di persone con difficoltà prensili. Tornando ad un aspetto puramente stilistico le forme geometriche pure richiamano un'idea di design moderno e contemporaneo; le leve, soprattutto se decorate, sono caratteristiche dello stile classico mentre le manopole, a seconda dei casi, possono fornire un tocco più industrial all'ambiente bagno.
Molta libertà di scelta si ha anche nel materiale: solitamente troviamo comandi remoti per rubinetti in ottone, come il resto della rubinetteria, questi prodotti possono presentare diverse finiture: laccate, satinate lucide o cromate; con elementi decorativi in resina, vetro, materie plastiche o porcellana. In alternativa, per un comando remoto dalla durata e dalla qualità superiori, si può optare per comandi remoti in acciaio inox. Questi ultimi solitamente si presentano nelle finiture superficiali, lucide, satinate o spazzolate.

Comandi remoti per rubinetti: funzionalità e manutenzione

I comandi remoti, come gli altri rubinetti, sono strumenti utilizzati quotidianamente da tutti i membri della famiglia. Per questo motivo nella scelta di un comando remoto è anche importante tener conto della sua resistenza nel tempo, soprattutto per non incorrere in problemi di perdite e necessità di sostituzioni.
Per un funzionamento ottimale e duraturo nel tempo è importante attenersi a piccole e semplici operazioni di manutenzione e pulitura, in particolar modo in caso di finiture superficiali particolari l'esterno del comando remoto dev'essere pulito con spugna morbida e non abrasiva e con acqua e sapone neutro. Da evitare detergenti aggressivi troppo acidi o troppo basici. non aggressivo. Seguendo questi consigli un comando remoto ed un rubinetto in generale durerà, senza bisogno di interventi invasivi, più di un decennio. ... Altro ... meno
Salva in:
Seguici sui social