Arredo Bagno Cucina Illuminazione Outdoor
Ufficio Shop

56 Contenitori per alimenti

Oltre che per la conservazione, i contenitori per alimenti servono anche ad organizzare ed ottimizzare gli spazi all'interno della propria dispensa. I contenitori possono anche essere mostrati senza remore su mensole e piani a vista della cucina. Ad esempio i portaspezie sono in grado di dare un tocco esotico e di colore alla cucina. Utili per evitare di sprecare e quindi dover buttare via cibo, è possibile utilizzarli, a seconda delle indicazioni fornite dal produttore, per la conservazione, per riscaldare o per congelare.

Contenitori per alimenti: non solo in dispensa

Un numero sempre maggiore di persone trascorre la propria pausa pranzo in ufficio. Sono quindi di estrema utilità i contenitori per alimenti ermetici, in grado di resistere al trasporto senza provocare spiacevoli fuoriuscite. La lunch box è soventemente dotata di apposite posate e di altri piccoli scomparti utili per organizzare e trasportare in modo compatto le varie portate o, addirittura, per conservare condimenti quali olio e aceto nel caso di insalate. FOOD À PORTER di Alessi ne è un esempio virtuoso, un oggetto dal design ricercato che strizza l'occhio ai più moderni accessori alla moda ma che non perde mai d'occhio la sua principale funzione, ovvero quella di essere un portapranzo capiente, compatto e versatile. A seconda del materiale i contenitori per alimenti possono anche essere utilizzati in microonde, in questo caso sono molto utili i coperchi dotati di valvola apribile in modo da non rischiare schizzi all'interno del forno; questa valvola, una volta chiuso il contenitore, permette di creare un leggero sottovuoto.
In mancanza della possibilità di riscaldare il cibo in un forno a microonde è possibile utilizzare dei portavivande termici in modo da mantenere gli alimenti caldi, alcuni sono in grado mantenere il cibo caldo fino a 6-8 ore con una perdita di soli 10°C.
Un evergreen della conservazione degli alimenti e relativo trasporto è certamente la gavetta, nota nel nord Italia anche con il termine schiscetta, un contenitore per alimenti in metallo, solitamente in acciaio inox o alluminio utilizzato principalmente per il pranzo fuori porta. In questa versione è caratterizzato da un contenitore vero e proprio e un coperchio con chiusura ermetica utilizzabile come piatto. Non permette l'uso nel microonde ma è ottima in campeggio in quanto permette di riscaldare i cibi a bagnomaria inserendoli in un contenitore più ampio pieno di acqua calda.
Quando si va di corsa e non si ha tempo per preparare autonomamente il pasto e portarlo da casa, vengono in nostro aiuto i contenitori usa e getta o monouso. Al termine del pasto possono essere comodamente buttati via in modo opportuno, senza disperderli nell'ambiente. In questo caso occhio ai materiali, preferiamo sempre contenitori riciclabili o biodegradabili alla fine del loro utilizzo.

Come individuare il contenitore per alimenti più adatto alle proprie esigenze

Oltre l'estetica, un fattore molto importante è la funzionalità. Se il contenitore dovrà essere impilato per ovvie ragioni di spazio, sarà più utile utilizzare elementi con forme regolari, rettangolari o quadrate piuttosto che bombate o tonde. I contenitori trasparenti sono particolarmente utili in dispensa e in frigorifero in quanto rendono immediatamente visibile il contenuto e la quantità disponibile di ogni cibo conservato. Per risparmiare spazio possono essere utili anche i sacchetti riutilizzabili, comodamente riponibili e ripiegabili una volta utilizzati. Sono in grado di contenere anche i liquidi e sono ottimi per il freezer.
Se il contenitore viene posizionato a vista è possibile donare vitalità alla cucina con l'utilizzo di barattoli con coperchi colorati che permettono di memorizzare e identificare con più facilità il contenuto.

Guida alla scelta dei materiali

Essendo elementi a contatto con i generi alimentari è importante che i contenitori per alimenti siano in materiale atossico, senza BPA e che possa stare a contatto con i cibi senza farli risultare pericolosi per il consumo.
I più sicuri e comuni sono sicuramente i contenitori in vetro, utilizzabili in freezer, in frigo e resistenti al microonde. Grazie al loro design senza tempo possono essere utilizzati per portare le pietanze direttamente in tavola, presentano spesso un coperchio in gomma o in plastica, quest'ultimo anche nella versione con alette per un trasporto più sicuro. Nel caso vengano utilizzati in dispensa non c'è alcun limite al materiale del coperchio: le chiusure in sughero permettono di mantenere un buon rapporto igrometrico all'interno del barattolo, che diventerà in questo modo un'ottima biscottiera o portapasta.
I contenitori per alimenti in plastica presentano le stesse caratteristiche dei contenitori in vetro ma sono più comodi da trasportare grazie al loro peso ridotto e una maggiore resistenza agli urti.
Alcuni tipi di contenitori per alimenti sono anche facilmente lavabili in lavastoviglie, in questo caso sarà esplicitamente segnalato sul contenitore, spesso assieme al range di temperature al quale esso resiste.

Japan addicted? Prova il Bentō

Il bentō o più comunemente bento, nasce in Giappone nel XII sec. per portare con sé polpette di riso e alghe. Nei secoli successivi l'uso e la diffusione del bento si sono estesi fino a farlo diventare un contenitore tipico per le pietanze da consumare in viaggio. Oggi il bento è tornato alla ribalta assieme alla sempre più crescente esigenza di pranzare fuori casa. Il tipico bento box è in legno e permette di mantenere il cibo fresco e con la giusta umidità ma, come per tutti i contenitori per alimenti, se ne trovano anche in plastica o metallo. Grazie alla sua maggiore solidità e sicurezza e alla possibilità di essere prodotto in forme divertenti e colorate, il bento in plastica è l'ideale per contenere la merenda dei bambini a scuola o all'asilo, in questo caso basta scegliere un contenitore per alimenti di dimensioni più ridotte.
Un 'altra particolarità e la presenza di uno o più livelli, questi ultimi sono costituiti da due o più contenitori sovrapposti. In questo modo è possibile avere un pasto sempre completo. I livelli a loro volta possono differenziarsi per alcune tipicità come una maggiore capacità termica, presentare scomparti più piccoli, svolgere la funzione di tazza e piatto o essere specifici per alimenti già confezionati. ... Altro ... meno
Salva in:
Salva in: