Lavelli e rubinetti da cucina

Il lavello e la rubinetteria sono elementi indispensabili in una cucina, non solo per il loro aspetto puramente pratico e funzionale ma anche perché - grazie alla varietà di forme e materiali disponibili - permettono di contribuire alla resa estetica del progetto di arredo. Materiali e finiture sono da scegliere infatti in armonia con lo stile della cucina: un lavello in ceramica o in pietra è più adatto ad uno stile classico o rustico, mentre acciaio o materiali compositi sono ideali in una cucina dall'atmosfera più contemporanea.

Lavello da cucina: materiali, forme e caratteristiche

Il lavello da cucina deve essere prima di tutto facile da pulire, resistente ai graffi e di dimensioni adeguate per permettere un comodo utilizzo. Il classico lavello da cucina in acciaio inox è sicuramente il più diffuso: si installa a incasso direttamente nel top della cucina, tagliato su misura per lo scopo. In alternativa si può optare per un lavello da cucina in ceramica, che spesso ha una sola vasca e si installa da appoggio, su un mobile che permette di portarlo alla stessa altezza del piano cucina, oppure per un lavello da cucina in materiale composito (come Solid Surface, Corian®, Krion® o Lapitec®, solo per citarne alcuni), che può essere installato a filo top, con un risultato molto contemporaneo, grazie all’assoluta continuità con il top cucina e alle linee nette che di solito lo contraddistinguono. I materiali compositi sono un’ottima scelta anche per la loro eccellente resistenza e per la maggior possibilità di personalizzazione che permettono: ne esistono in tutte le tonalità del bianco e ci sono numerose versioni colorate, anche in toni scuri, dal grigio al nero. La forma e la grandezza del lavello dipendono poi dalle esigenze di chi utilizzerà la cucina: un lavello da cucina a una vasca è l’opzione migliore in caso di spazi ridotti o in presenza di lavastoviglie; una sola vasca può però anche essere di dimensioni maggiori rispetto a quella di un lavello tradizionale, diventando così un’opzione valida anche per chi fa un uso intenso della cucina. In alternativa si può scegliere un lavello da cucina a due vasche, che permette una maggiore praticità d’uso. In tutti i casi può essere previsto il gocciolatoio, se le dimensioni del top, ai lati del lavello, lo consentono.

Scegliere la rubinetteria da cucina: estetica e funzione

Il rubinetto da cucina può prevedere due tipologie di installazione: i rubinetti da cucina da piano sono sicuramente i più diffusi e si installano direttamente sul top cucina o attraverso il foro già predisposto sul lavello (nel caso sia presente). Sono caratterizzati da un collo molto più alto rispetto alle altre tipologie di rubinetto, che può ruotare verso destra e verso sinistra, così da permettere di sfruttare al massimo la profondità del lavello. Il rubinetto da cucina può essere dotato di accessori, come la doccetta estraibile, molto pratica per lavare o rinfrescare frutta e verdura, così come per dare una passata ai piatti prima di metterli in lavastoviglie. I rubinetti da cucina a muro sono un’alternativa utilizzata di solito in caso di sostituzione di elementi precedentemente installati nello stesso modo o dagli amanti del design retrò, proprio perché ricordano le cucine di una volta. Il materiale più diffuso anche qui è certamente l’acciaio inox, igienico e facile da pulire, disponibili in tante finiture: dal classico cromato al satinato, dallo spazzolato alle finiture meno tradizionali, che trasformano la superficie liscia dell’acciaio in una superficie nera opaca. ... Altro ... meno ... Altro ... meno ... Altro ... meno

Naviga per Brand

Scelti dalla redazione

In vendita

Salva in:
Seguici sui social