229 Materassi

La scelta del materasso è un passo importante per il proprio benessere. Dal materasso dipende la qualità del sonno, garantisce un adeguato riposo al corpo e permette quindi un recupero delle energie durante la giornata. I materassi possono essere molto diversi tra loro, la scelta va effettuata in base alle caratteristiche personali: peso del corpo, posizione assunta durante il sonno, temperatura dell'ambiente. Un materasso troppo rigido non si adatterà alla forma del corpo costringendo le articolazioni in posizioni sbagliate. Un materasso troppo morbido tenderà a far sprofondare troppo spalle e glutei a scapito della corretta posizione della colonna vertebrale. Il materasso ottimale è quello che dona l'impressione di fluttuare eliminando o riducendo il più possibile, i punti di pressione. Questa scelta è molto importante in caso di condizioni specifiche quali ernie, mal di schiena cronici, reflusso gastroesofageo, gravidanza.

Come scegliere il materasso: guida ai materiali

Nella scelta del materasso solitamente si considerano diverse opzioni offerte dal mercato. I materassi in memory foam o memory sono realizzati con strati di schiuma visco-elastica a diversa densità che rispondono al peso e alla temperatura adattandosi naturalmente alla forma del corpo. Questa tipologia di materasso memorizza la forma del corpo accogliendolo durante la notte. Non è adatto a chi cambia spesso posizione durante il sonno perché non modifica istantaneamente la forma assunta. Attutisce il movimento ed evita la creazione di punti di pressione, rivelandosi l'ideale in caso di problemi alle articolazioni o alla circolazione sanguigna, utilizzato come materasso ortopedico e materasso antidecubito grazie alla sua capacità di adattarsi al corpo.
Si tratta di un materiale poco traspirante non adatto ad ambienti caldi in quanto non smaltisce rapidamente il calore emanato dal corpo. Trattenendo l'umidità è importante garantirne l'areazione al mattino per evitare il formarsi di muffe e funghi.
Per evitare che il calore trattenuto naturalmente dal materasso durante l'uso, si sprigioni anche d’estate arrecando danno al sonno, si potrà scegliere un materasso memory ibrido.
Il materasso in lattice può essere realizzato in lattice naturale o sintetico. La gomma naturale rende il materasso altamente traspirante per via della particolare lavorazione a micro cellette che lo rende igienico e lo fa rientrare a pieno nella categoria di materasso anallergico. Particolarmente apprezzato per elasticità e resistenza alla deformazione, il materasso in lattice è quindi l’ideale per chi soffre di problemi respiratori ed allergie. Soprattutto in estate, un materasso in lattice sarà sempre fresco impedendo la proliferazione di batteri, germi e muffe. Il materasso in lattice è un materasso ortopedico, ha il compito di mantenere l’allineamento della spina dorsale, ridurre la pressione sulla superficie, regolare la temperatura del corpo e respingere gli allergeni nocivi.
I materassi a molle si dividono in molle indipendenti, più utilizzate negli anni passati. Sono materassi con molle elicoidali in acciaio ottime per persone con un peso notevole. Le molle sono poi rivestite con un'imbottitura che permette di non avere il corpo a diretto contatto con il metallo. I materassi a molle insacchettate sono l'evoluzione dei precedenti. In questo tipo di materasso le molle sono inserite singolarmente in un sacchetto in tessuto per evitare contrasti tra le stesse.
Il tipo di molle, il loro numero e l’imbottitura sono le variabili che incidono maggiormente sulla percezione di comfort di un materasso a molle.
I materassi a molle sono ideali in caso di utilizzo da parte di persone con peso diverso. Per aumentarne il comfort è possibile trovare materassi ibridi con un'imbottitura superficiale in memory.

Scelta del materasso in base alla posizione durante il sonno

Ognuno di noi ha la propria posizione preferita per dormire, in base a questa cambia la curva assunta dalla colonna vertebrale e, conseguentemente, il modo in cui scarica il peso corporeo sul materasso. Dormire su un fianco, nonostante sia una pratica diffusa da molte persone aumenta fino a sette volte il carico su spalle e fianchi. Il materasso in questi casi dovrebbe assecondare la curva del corpo. Ideale è un materasso in memory. Dormire a pancia in su allevia totalmente la parte alta della schiena ma può causare fastidi alla fascia lombare. Per mantenere la curva naturale della colonna vertebrale l'ideale è un materasso semi-rigido: un materasso troppo morbido creerebbe problemi al dorso, uno troppo rigido affaticherebbe la parte bassa della schiena. Consigliati in questo caso il memory medio-rigidi o i materassi in lattice.
Per non sforzare la schiena dormendo a pancia in giù sono ottimi i materassi a molle o in lattice in quanto più rigidi e in grado di offrire un sostegno solido e che non assuma la forma del corpo che in questo caso piegherebbe eccessivamente indietro la colonna vertebrale.

Il materasso matrimoniale che garantisce il massimo comfort

Il materasso matrimoniale è disponibile in modelli che prevedono l’uso di materiali innovativi, proprio per garantire il massimo comfort alla coppia. L’imbottitura prevede l’utilizzo di fibre naturali, per ottimizzare la traspirabilità e la termoregolazione del prodotto. È possibile scegliere anche tra proposte interamente realizzate a mano, in colorazioni neutre e rivestite da tessuti in 100% cotone. In caso di due persone con caratteristiche molto differenti, invece di un solo materasso matrimoniale si può optare per due materassi singoli.

Quando cambiare il materasso?

La vita di un materasso si aggira sugli 8-10 anni, dopo questo arco temporale oltre ad intervenire un naturale invecchiamento della struttura del letto entra in gioco anche una questione igienica.
Un sintomo di obsolescenza nei materassi in memory è dato dalla ridotta capacità di “ricordare” la forma del corpo rispetto ad un prodotto nuovo. Comunque si riscontrano sul materasso in memory il 30% in meno di queste problematiche rispetto agli altri modelli in commercio, tra cui quelli a molle.
I segni d'invecchiamento di un materasso a molle si riscontrano quando sono visibili protuberanze o avvallamenti causate da una diversa resistenza delle molle.
I materassi in lattice sono quelli più longevi, se la manutenzione nel tempo è stata corretta e costante. L'esposizione all'umidità o al calore, rovinano il lattice causando muffe nel primo caso e creando zone rigide nel secondo caso. Per evitare di far invecchiare precocemente il materasso in lattice è buona norma arieggiare sempre l'ambiente nel quale si trova e ruotarlo sia in direzione testa-piedi che sopra-sotto ogni mese.
È possibile rinnovare un materasso a molle non vetusto tramite l'inserimento di un topper, solitamente in memory, in modo da aumentarne la sensazione di comfort.

Dormire fuori casa

I materassi per hotel oltre a garantire i comuni requisiti di comodità devono essere classificati come ignifughi (classe 1IM in caso di capacità ricettiva superiore a 25 posti letto). Vengono solitamente scelti con spessori oltre i 20 cm per donare un'aria di imponenza alla camera da letto.
In campeggio si sa, c'è bisogno di risparmiare spazio senza per questo rinunciare alla comodità; in questo caso una soluzione sono i materassi gonfiabili. Grazie al loro minimo ingombro da sgonfi sono l'ideale anche in casa qualora ci siano ospiti improvvisi per la notte per creare un nuovo angolo letto ovunque sia necessario. Con le innovazioni tecnologiche apportate negli anni sono ormai in grado di garantire una qualità di riposo pari ai materassi tradizionali. Possono essere gonfiati a mano o con pompa elettrica per ridurre i tempi di gonfiaggio.
I materassi ad acqua nascono nel XIX secolo per i pazienti di lunga degenza per evitare o limitare le piaghe da decubito. Sono anallergici, igienici e, se dotati di un termostato, anche riscaldabili curando malattie reumatiche. ... Altro ... meno
Salva in:
Salva in: