SUMMER SALES | Risparmia il 15% con il codice SUMMERSALES15

Poggiapiedi, in vendita

Se amate guardare la tv o leggere un buon libro o se desiderate semplicemente godervi un momento di relax sul vostro divano, il poggiapiedi è l’accessorio giusto perché vi consente di rilassare e distendere le gambe, migliorando il vostro stato di comfort e di benessere. Di dimensioni modeste, il poggiapiedi è diventato un complemento d’arredo irrinunciabile per il salotto: un poggiapiedi in tessuto affiancato ad un divano o ad una poltrona, con rivestimento abbinato o in netto contrasto, dona stile e carattere alla zona living. Il poggiapiedi può essere un elemento indispensabile anche se si passa molto tempo seduti ad una scrivania per motivi di lavoro. Una postura non corretta infatti può provocare a lungo andare piccoli problemi alla schiena: in tal senso i poggiapiedi da ufficio offrono il giusto supporto lombare migliorando la postura e la circolazione sanguigna e mantenendo la schiena dritta.

Caratteristiche e dimensioni di un poggiapiedi

Il poggiapiedi è un complemento multiforme, molto leggero, spostabile senza difficoltà da una stanza all’altra, con un’altezza variabile tra i 30 e i 50 cm. Solitamente è costituito da una base, nella maggior parte dei casi in metallo o in legno, e da un elemento imbottito che può assumere diverse forme. Per quanto riguarda la base, i poggiapiedi a quattro razze in metallo danno una sensazione di leggerezza e raffinatezza mentre i poggiapiedi a slitta eleganti e minimal, hanno una stabilità senza eguali. Alcuni poggiapiedi non hanno una vera e propria base ma soltanto una struttura interna all’imbottitura: in questi casi, si tende a parlare di pouf. L’elemento imbottito può assumere diverse forme: triangolare, cubico, parallelepipedo, tondo. Ha una struttura interna in legno. La soffice imbottitura viene realizzata principalmente con schiuma poliuretanica, poliestere o materiali similari ed è rivestita con tessuto o pelle. Il tessuto può essere sfoderabile e lavabile ma anche impermeabile. In alternativa, alcuni poggiapiedi hanno la scocca in resina o in materiale sintetici, altri un imbottitura con microsfere di polistirolo o poliestere. I poggiapiedi in legno invece sono privi di imbottitura ma molto resistenti e durevoli nel tempo.

Come scegliere il poggiapiedi adatto alle tue esigenze

Un poggiapiedi di design è un oggetto versatile che può avere molteplici funzioni oltre a quella di migliorare il benessere fisico di chi lo utilizza. Un poggiapiedi contenitore ad esempio si rivela estremamente utile se si ha bisogno di spazio per riporre riviste, plaid o altri oggetti personali. I poggiapiedi imbottiti sono fondamentali quando il numero di ospiti in casa è superiore alla capienza del proprio divano: i pouf-poggiapiedi infatti possono diventare all’occorrenza delle utilissime e morbide sedute extra o anche delle superfici di appoggio. Per una zona living elegante e raffinata, la scelta ricade sui poggiapiedi in pelle con base in legno o metallo. Il poggiapiedi trova spazio anche in camera da letto, magari vicino ad una poltrona. Non mancano i poggiapiedi da esterni o i poggiapiedi da piscina, rivestiti con tessuti resistenti alle intemperie e all’umidità. Per i più piccoli scegliete invece i poggiapiedi per bambini, coloratissimi e decorati con scene giocose e simboli multicolor.

Impreziosire un ambiente living? Con il poggiapiedi si può

La scelta di un ottomana oltre alla funzionalità tiene conto di aspetti prettamente estetici. Avere la propria zona living con il divano o la poltrona abbinati ad un poggiapiedi, rende l’ambiente più raffinato, elegante e ricercato. Non è un caso se il poggiapiedi più famoso della storia del design è rappresentato sempre in abbinato alla poltrona della sua stessa serie: parliamo di OTTOMAN, poggiapiedi in pelle disegnato da Charles Eames e della poltrona LOUNGE CHAIR. È esattamente questo il motivo per il quale i poggiapiedi sono spesso rivestiti con lo stesso tessuto del divano e delle poltrone cui sono affiancati. I più audaci utilizzano tessuti colorati a contrasto o con pattern geometrici decisi o ancora con motivi floreali, a righe, a fantasia e molto altro. Se in mente si ha un ambiente minimal, un poggiapiedi monocolore o rivestito con un tessuto dalle tinte neutre fa al caso vostro.

Curiosità e storia dei poggiapiedi

I poggiapiedi sono noti da molti anni e si sono evoluti nel corso della storia. I poggiapiedi erano già conosciuti nell'antico Egitto: erano presenti nelle case e nei templi in varie forme ed erano utilizzati per riposare i piedi. Erano considerati un cimelio di famiglia e venivano tramandati da una generazione all'altra. Il poggiapiedi rinasce nel XVI secolo ma era usato anche per scopi diversi: era una comoda seduta per bambini o una sedia comoda e facilmente trasportabile. Era fatto di legno, ma il suo design spesso differiva a seconda del suo utilizzo e della posizione socio-economica del proprietario. Nel XVIII secolo era popolare il poggiapiedi basso da posizionare di fronte al camino abbastanza lungo da permettere a tutti i membri della famiglia di posizionare i piedi e riscaldarli. I poggiapiedi in legno o in altri materiali tradizionali sono sempre stati oggetti di uso comune nella vita di tutti i giorni dal XVII al XIX secolo. Nelle prime case americane era molto prezioso e occupava uno spazio importante anche se gli alloggi erano angusti. Oggi il poggiapiedi moderno combina tradizione e innovazione, decorazione e funzionalità ed è un oggetto presente in quasi tutte le case. Racchiude calore e praticità e restituisce ai piedi il giusto riposo. ... Altro ... meno
Salva in:
Salva in: