SWISSPEARL Italia
SWISSPEARL®

Facciata ventilata

AGGIUNGI A WISHLIST O PROGETTO

Scopri il Brand

SWISSPEARL Italia

Contatta l'azienda
Sito Web
Informazioni

SWISSPEARL® By SWISSPEARL Italia

Tipologia

Facciata ventilata

Per l’isolamento termico dall’esterno delle pareti la soluzione che risponde a tutti i requisiti richiesti dalla specifica applicazione è quella della cosiddetta facciata ventilata SWISSPEARL® così costituita:

- muro portante di tipo tradizionale in mattoni pieni o calcestruzzo con normali rivestimenti interni.‎
- pannelli isolanti in fibre minerali o altro genere fissati al muro mediante ancoraggio meccanico.‎ 
- camera d’aria ventilata di almeno 2 cm.‎ (dimensionata in funzione delle caratteristiche dell’edificio).‎
- rivestimento esterno realizzato in lastre di cemento-fibra SWISSPEARL®.‎

Le facciate SWISSPEARL® si basano sul principio fisico-strutturale della facciata ventilata.‎ Le caratteristiche di robustezza derivano dalla somma delle qualità del sistema unite a quelle del prodotto.‎ Le lastre per facciata in cemento-composito Swisspearl fungono da protezione esterna contro i fenomeni atmosferici, salvaguardando nel tempo in modo efficace l’isolamento termico e, con esso, l’intero edificio contro l’umidità, il vento e le intemperie.‎ I prodotti per facciata Swisspearl sono pressoché indistruttibili, altamente resistenti alle intemperie e non necessitano praticamente di alcuna manutenzione.‎ Grazie all’utilizzo di colori estremamente forti non è necessario riverniciare, neppure a distanza di anni.‎ I prodotti per facciata Swisspearl in cemento-fibra sono biologici e riciclabili al 100% e possono quindi essere utilizzati per la realizzazione di nuovi prodotti per facciate.‎

Approfondimento
Facciata ventilata
La facciata ventilata SWISSPEARL® porta, in sostanza, a realizzare un edificio a doppio involucro nel quale l’isolamento termico esterno, unitamente alla camera d’aria ventilata, offre molteplici vantaggi tecnici, economici e di comfort, senza peraltro compromettere le altre funzioni importanti, che la parete di ambito esterno deve svolgere:
- Interruzione pressoché totale del flusso del calore attraverso nodi strutturali.
- Nessuna formazione di condense e quindi muffe all’interno dei locali.
- Aumento degli spazi abitativi interni, in quanto l’intervento viene eseguito sulla parete esterna.
- Riduzioni costi gestionali sul riscaldamento e quindi minor inquinamento atmosferico.
- Non si formano crepe sulla muratura dovute ad agenti atmosferici.
- Incremento dell’inerzia termica sulla muratura dell’edificio.
- Miglior comfort abitativo sia estivo che invernale.
- Massima impermeabilità alla pioggia battente.
- Nessuna manutenzione nel tempo.
- Miglioramento fonico.
- Personalizzazione delle facciate con la gamma di colori e formati SWISSPEARL®.
Vantaggi di una facciata ventilata SWISSPEARL®
1. MIGLIOR COMFORT IN ESTATE E IN INVERNO
Mentre la trasmittanza termica di una parete non cambia al variare dell’ordine degli strati che la costituiscono, altrettanto non può dirsi del suo comportamento in regime variabile. Per meglio illustrare il problema, occorre esaminare separatamente il caso estivo e quello invernale. 
a) Caso estivo
Consideriamo due pareti di uguale costituzione, formate da uno strato di calcestruzzo esterno, da uno di calcestruzzo interno e da uno isolante in fibre minerali; la sola differenza tra le due strutture è, dunque, nell’ordine degli strati rispetto all’onda termica che proviene dall’esterno a causa dell’irraggiamento solare. Orbene, nel primo caso (materiale isolante all’esterno) l’onda termica viene trasmessa all’interno più attenuata, per cui questa disposizione risulta più vantaggiosa se si desidera ridurre gli effetti dell’irraggiamento solare. La stessa disposizione, come è noto, si trova nelle facciate ventilate nelle quali, inoltre, la camera d’aria ventilata permette di ridurre ulteriormente il flusso termico in entrata. Concludendo, l’isolamento termico, unitamente alla facciata ventilata, migliora sensibilmente il comfort estivo delle pareti opache. 
b) Caso invernale
Una parete isolata dall’esterno immagazzina molto calore quando viene posto in funzione l’impianto di riscaldamento, poiché la sua temperatura raggiunge valori molto prossimi a quelli dell’ambiente interno. Ciò è dovuto al fatto che l’involucro esterno isolante mantiene, come un “cappotto”, l’intera costruzione ad una temperatura superiore a quella che si avrebbe se il coibente fosse posto all’interno. Se poi la parete interna è di massa superficiale elevata, l’accumulo di calore risulta sensibile ed inoltre arrivano, per le ragioni esposte al punto a), molto attenuate le variazioni esterne della temperatura. Ne segue che la temperatura interna non risente né di interruzioni del riscaldamento durante le ore notturne, né di punte estreme delle oscillazioni della temperatura esterna invernale. In conclusione, il comfort abitativo risulta migliore rispetto all’isolamento dall’interno, ottenendosi anche una migliore regolazione della temperatura dei locali. Si termina il paragrafo dedicato al comfort segnalando che, di norma, nella facciata ventilata la parete interna è di massa superficiale elevata ed a buona tenuta, per cui è notevole la protezione acustica che la parete offre nei confronti dei rumori esterni. 

2. VANTAGGI ECONOMICI
Tra i vantaggi economici offerti dalla facciata ventilata, occorre in primo luogo segnalare il guadagno, a parità di protezione termica, di spazio interno fruibile, fattore quest’ultimo molto importante nelle moderne costruzioni. In base a quanto illustrato, vengono poi sensibilmente ridotte le spese di manutenzione dei rivestimenti interni per la mancanza di macchie di polvere, umidità e muffa. In materia di economia, occorre a questo punto segnalare che la tecnica dell’isolamento dall’esterno, con facciata ventilata, può essere vantaggiosamente realizzata anche nelle vecchie costruzioni per gli scopi che seguono.
- Ridurre, con un migliore isolamento, le spese di gestione del riscaldamento. Al riguardo bisogna osservare che, con l’isolamento in questione, si riducono non solo le potenze termiche disperse attraverso le pareti, ma anche le dispersioni dei montanti, verticali ed orizzontali, delle tubazioni dell’impianto di riscaldamento che corrono, nelle vecchie costruzioni, dentro le pareti d’ambito esterno. 
- Migliorare il comfort abitativo, in quanto viene aumentata la temperatura della superficie interna delle pareti dei locali più esposti. 
Il comfort ambientale, infatti, nei locali con pareti non isolate di vaste dimensioni, è cattivo poiché bassa risulta la temperatura superficiale interna di dette strutture. In tal caso si ricorre di norma ad elevare la temperatura dell’aria interna, per compensare l’effetto negativo delle pareti esterne “fredde”. Per raggiungere questo obiettivo, però, si surriscaldano tutti i locali dell’edificio e in particolare anche quelli che, per la loro posizione, non ne hanno bisogno. Ciò provoca, in definitiva, un considerevole aumento delle dispersioni termiche e, quindi, dei consumi energetici. Tutto ciò può essere evitato con l’isolamento dall’esterno che riduce le spese di gestione del riscaldamento, non solo per le minori potenze termiche disperse attraverso le pareti, ma anche poiché evita l’inutile surriscaldamento dell’edificio. I vantaggi economici sono ancora maggiori se la costruzione ha le pareti esterne realizzate con tamponatura a cassetta e camera d’aria. In tal caso, infatti, in giornate ventose molto spesso la camera d’aria risulta in contatto con l’esterno attraverso i cassonetti, per cui si perde la protezione termica del paramento esterno e quella della stessa camera d’aria. Realizzando l’isolamento dall’esterno, si ripristina la tenuta della tamponatura a cassetta e la riduzione delle potenze termiche risulta molto più elevata.
Va segnalato infine che, nelle costruzioni esistenti, l’intervento dall’isolamento dall’esterno non provoca disturbo agli occupanti, potendosi procedere senza interrompere l’attività svolta nell’interno. 

3. ALTRI VANTAGGI
Oltre ai vantaggi tecnici ed economici sopra illustrati, la facciata ventilata SWISSPEARL® offre una perfetta resistenza meccanica e di tenuta agli agenti meteorici. Valorizzazione dell’immobile con architetture personalizzate mediante l’utilizzo della vasta gamma di formati, finiture e colori.

Tecnologia di costruzione efficiente
Le facciate ventilate sono composte da strutture multistrato caratterizzate da una separazione funzionale distinta dei singoli componenti degli strati.
S = Struttura di supporto
Il tipo di costruzione e i materiali usati variano a seconda dei regolamenti e delle pratiche edilizie dei diversi paesi. Essi forniscono un rendimento energetico di base dell’edificio che dipende dalla costruzione delle pareti, ma il più delle volte è troppo basso per contribuire a ridurre in modo significativo la bolletta energetica.
1 = Rivestimento
Le funzioni principali del rivestimento esterno sono sia estetiche sia protettive: devia infatti gran parte della pioggia e protegge l’isolamento dalle sollecitazioni climatiche e meccaniche. I pannelli di rivestimento, staticamente indipendenti l’uno dall’altro, sono ancorati alla parete esterna mediante una sottostruttura leggera e stabile. I pannelli Swisspearl in cemento composito sono prodotti ecologici che consentono un ridotto consumo energetico e hanno una durata minima di 40 anni. Sono garantiti per temperature da -40°C a +80°C. Inoltre, grazie al materiale inerte con cui sono realizzati, non si verifica alcun accumulo di calore significativo, tanto che con l’esposizione al sole e/o in caso di climi caldi, la differenza tra temperatura dell’aria e temperatura superficiale è di max. 10-15°C. Questa caratteristica è molto utile per soddisfare le esigenze di raffreddamento.
2 = Intercapedine d’aria
La mancanza di ventilazione associata all’umidità è la causa di fenomeni di condensa e può fare marcire i materiali da costruzione. Queste condizioni sono ideali per la formazione di muffe e di spore batteriche con tutti gli effetti negativi che questi hanno sulla durevolezza della struttura come anche sulla salute e il comfort dei fruitori. Inoltre l’umidità riduce in modo significativo l’efficacia dell’isolamento e quindi il risparmio energetico potenziale. Con il sistema di facciate ventilate tutti questi fenomeni non si verificano. La circolazione dell’aria avviene in modo del tutto naturale grazie alla differenza di pressione tra la parte bassa e quella alta della facciata. L’intercapedine d’aria consente, da un lato, di scaricare l’umidità atmosferica, l’umidità interna e anche quella eventualmente presente nella muratura, dall’altro regola lo scambio termico tra l’edificio e l’ambiente in termini di ventilazione naturale. In caso di temperature elevate, l’aria circolante consente di espellere parte del calore.
3 = Isolamento
In linea di principio l’isolamento riduce il deflusso del calore e del fresco all’esterno dell’edificio. L’isolamento trattiene il calore di una stanza nella struttura dei muri pieni ed elimina i ponti termici. L’efficienza energetica dell’isolamento dipende dal valore Lambda del materiale usato, ma soprattutto dallo spessore dello strato isolante, che insieme determinano il valore R della resistenza termica [m2K/W]. Il valore R è il reciproco del fattore U che misura il trasferimento di calore attraverso la parete (W per m2 e per Kelvin di differenza della temperatura tra interno ed esterno). I requisiti per un isolamento termico ottimale dipendono dal clima regionale e da fattori ambientali locali.
Efficienza energetica
Il consumo di energia dipende dall’ubicazione e dallo spessore dell’isolamento
Risparmio sul costo energetico
Costo del ciclo di vita
Il costo di un edificio per tutto il ciclo di vita può essere suddiviso in quattro categorie:
1 Progettazione e costruzione
2 Esercizio
3 Manutenzione / ristrutturazione
4 Dismissione

Il sistema nel suo complesso

Dal punto di vista della fisica delle costruzioni le facciate ventilate SWISSPEARL sono oggi il sistema più affidabile. Tutti gli elementi sono progettati in modo da assicurare il massimo equilibrio nel rallentare il trasferimento del calore e del freddo lungo l’involucro dell’edificio in entrambe le direzioni. Grazie alla grande versatilità di progettazione, il rivestimento esterno può essere modellato in modo da prevedere parti inclinate che riducono l’impatto della luce solare. È anche possibile l’integrazione con elementi frangisole dello stesso materiale, che danno inoltre un risultato notevole dal punto di vista estetico.
Nelle zone con climi rigidi, le facciate ventilate SWISSPEARL hanno dimostrato, sul lungo periodo, di essere efficienti in termini energetici e di costi e di garantire un’aspettativa di vita maggiore sia per la struttura dell’edificio che per il rivestimento, con costi di manutenzione ridotti.
In questo modo contribuiscono notevolmente a ridurre le emissioni di gas serra. La quota di ciascuna categoria dipende dal tipo di edificio e dalla sua funzione. È diversa anche a seconda che si riferisca a una nuova costruzione o a una ristrutturazione, però l’esercizio e la manutenzione dell’edificio per un periodo di 40 anni rappresentano almeno il 70% della bolletta totale. Anche la distribuzione dei costi varia a seconda della tecnologia di costruzione. L’investimento iniziale per un edificio efficiente dal punto di vista energetico è superiore rispetto a quello previsto per una costruzione convenzionale, ma questa differenza viene più che compensata dalla riduzione dei costi energetici, tenendo sempre presente il rischio che le spese aumentino. Mentre i costi di realizzazione sono definiti e rappresentano una piccola parte del totale, le spese relative al soddisfacimento del fabbisogno energetico di un edificio sono notevoli e destinate a crescere nel futuro. Quando per il rivestimento esterno si usano materiali di qualità che garantiscono un lungo periodo di uso senza particolari spese di manutenzione e con una coibentazione adatta al clima del luogo, le facciate ventilate risultano più efficienti in termini di costi rispetto agli edifici progettati in modo tradizionale. Se si tiene conto del fatto che in molti paesi la maggior parte delle strutture realizzate dal 1960 al 1990 non sono conformi ai principi ecologici attuali, una ristrutturazione delle facciate con un approccio più consapevole verso il risparmio energetico potrebbe comportare un notevole risparmio sui costi di riscaldamento e di raffreddamento, fornendo un ritorno rapido sull’investimento effettuato per la ristrutturazione.

Potrebbe interessarti anche...
Gli ultimi prodotti visitati...

Salva in:

Conferma la tua posizione

per scoprire le offerte valide nella tua zona

CAP
OK
Usa la mia posizione
Seguici sui social
Salva in: